Toro Y Moi

Anything In Return

2013 (Carpark Records) | chill-wave

Chaz Bundick ha sempre avuto le idee ben chiare, nonostante la tenera età e l’aria solo apparentemente un po' imbronciata. Giunto al terzo disco nel giro di soli due anni, con il qui presente “Anything In Return” l’americano punta definitivamente al pop e a una mescola sonora i cui ingredienti sembrano non esaurirsi mai. Se con il precedente  “Underneath The Pine” la svolta era solo abbozzata e i sentieri calcati decisamente più funky, stavolta il buon Chaz sistema a dovere tutti i cassetti migliorando la produzione e conferendo alla struttura dei brani maggiore incisività melodica e una minore dispersione ipnagogica.

Nonostante la strumentazione resti praticamente immutata, tra tastierine eighties e quant’altro, Bundick sembra aver trovato un nuovo equilibrio, coadiuvando con discreta nonchalance le evasioni sintetiche dell’esordio e i vezzeggiamenti synth-pop dell’ottimo Ep “Freaking Out”, senza tuttavia rinunciare a una morbidezza di fondo che contraddistingue fin dal principio il suo stile (“Touch”).

“Anything In Return” si presenta dunque come un lavoro timidamente ambizioso, ben curato in ogni sua singola sfumatura. E’ il classico disco della maturità, la conferma di un talento sbocciato in tutto il suo splendore. In esso prendono quota diversi momenti, dagli svolazzi orientaleggianti di “Studies” al groove soffice e vagamente sognante di “Harm In Change” con tanto di stacchetto lounge sullo sfondo, passando per le pulsazioni liquide e stranianti di “Grown Up Calls” fino a giungere all’incedere tenero e fascinoso di “Day One”.

Ciò che contraddistingue la musica di Toro Y Moi è la formidabile capacità di creare un mondo a sé stante, fatto di reminiscenze soul, arpeggi funky, bordate chill-wave e lontane fughe esotiche. Un ritorno in grande stile e tanta, tantissima classe da vendere.

(01/01/2013)

  • Tracklist
  1. Harm In Change
  2. Say That
  3. So Many Details
  4. Rose Quartz
  5. Touch
  6. Cola
  7. Studies
  8. High Living
  9. Grown Up Calls
  10. Cake
  11. Day One
  12. Never Matter
  13. How's It Wrong
Chaz Bundick Meets The Mattson 2 su OndaRock
Recensioni

CHAZ BUNDICK MEETS THE MATTSON 2

Star Stuff

(2017 - Company)
Un toro e due gemelli nella cavalcata psych-jazz dello zodiaco 2017

TORO Y MOI

Boo Boo

(2017 - Carpark)
La fuga estatica e trasognata del buon Chaz Bundick aka Toro Y Moi

TORO Y MOI

What For?

(2015 - Carpark)
L'inaspettata svolta "rock" di Chaz Bundick, in arte Toro Y Moi

TORO Y MOI

Underneath The Pine

(2011 - Carpark)
Nuova patina soulful per il giovane Chaz Bundick, all'atteso secondo disco

TORO Y MOI

Freaking Out

(2011 - Carpark)
Spiazzanti fraseggi eighties e nuove pulsazioni nell'Ep del giovane Bundick 

TORO Y MOI

Causers Of This

(2010 - Carpark)
L'evasione ipnagogica di Chaz Bundick, aka Toro Y Moi, tra battiti sintetici retrò e atmosfere ..

News
Toro Y Moi on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.