Travis

Where You Stand

2013 (Red Telephone Box) | pop-rock

Senza nascondersi, fa sempre piacere avere fra le mani nuove canzoni dei Travis. Un po' perché a loro solitamente si associano ottimi motivi pop, un po' perché arrivano a cinque anni di distanza dall'ultimo album "Ode to J. Smith", non proprio riuscitissimo. Li avevamo lasciati con un disco prettamente chitarristico, in controtendenza con gli ultimi lavori e con il meglio della loro produzione, seppur non privo di alcuni buoni spunti. Nel frattempo il cantante Fran Healy si è trasferito a Berlino, ha realizzato un disco solista senza infamia e senza lode, riprendendo l'attività live con la band nel 2011.

La title track "Where You Stand", lanciata come primo singolo tre mesi prima dell'uscita del disco, ci aveva fatto intuire il ritorno alla piano based song, la formula a loro più congeniale. La scrittura e il lavoro sulle canzoni sono, per la prima volta, corali e la fluidità nell'ascolto ne guadagna certamente. La già citata "Where You Stand", "Moving", "A Different Room" costituiscono l'asse portante del lavoro, melodie midtempo impregnate di malinconia che potrebbero facilmente collocarsi in breve tempo nel repertorio dei classici della band scozzese. Nondimeno, un brano come "On My Wall" ci riporta con semplicità agli inizi della band, alle chitarre di "Good Feeling". Che questo sia un disco di cui andare soddisfatti sembrano pensarlo d'altro canto anche gli stessi britannici, che nella traccia d'apertura "Mother" si chiedono "Why did we wait so long?".

Ora sarebbe piuttosto semplice citare qui e là echi di Shins, U2 o Coldplay (periodo pre-pacchiano), ma è decisamente più corretto dire che i Travis sono semplicemente fedeli a se stessi. Anche negli episodi meno riusciti, "New Shoes" o la conclusiva "The Big Screen", è sempre e comunque evidente l'impronta Travis: insomma, si sbaglia ma in modo squisitamente personale. Non ci sono tentativi maldestri di essere "al passo con i tempi", anche l'utilizzo di elementi elettronici è ridotto davvero all'osso e mai si ha l'impressione che ci sia alcunché di artificioso nella costruzione dei brani. A guadagnarne è la longevità del disco, che nei vari ascolti non perde il proprio smalto.

L'altro lato della medaglia è che, proprio per gli stessi motivi, "Where You Stand" non aggiunge molto all'onesta carriera musicale degli scozzesi che, a meno di grosse sorprese, sembrano ormai aver già sparato tutte le loro cartucce migliori. Un buon disco per i fan e per chi ama il pop inglese tradizionale, ma non per chi non è mai riuscito ad apprezzare la band di Fran Healy: non sarà questo album a farvi cambiare idea.

(25/08/2013)



  • Tracklist
  1. Mother
  2. Moving 
  3. Reminder
  4. Where You Stand 
  5. Warning Sign
  6. Another Guy
  7. A Different Room
  8. New Shoes
  9. On My Wall
  10. Boxes
  11. The Big Screen
Travis su OndaRock
Recensioni

TRAVIS

Everything At Once

(2016 - Red Telephone Box)
Trova nuova linfa l'istinto di autoconservazione di Healy e soci

TRAVIS

Ode To J. Smith

(2008 - Red Telephone Box)
Un azzardo guitar-rock e un ritorno alle origini per il quartetto di Glasgow

TRAVIS

The Boy With No Name

(2007 - Sony / Indiependiente)
Il ritorno del quartetto scozzese tra sincerità e pressioni commerciali

News
Travis on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.