Vatican Shadow

Remember Your Black Day

2013 (Hospital Productions) | dark-ambient, techno

Ormai sappiamo che Dominick Fernow non si fermerà mai. Qualsiasi sia la direzione, anzi le direzioni, incontenibili della sua produzione artistica non possiamo aspettarci un filtro, una forma di  controllo rispetto a una mente in continua, costante, prepotente, soverchiante, creazione.

Dopo l'ultimo ed eccellente disco sotto pseudonimo Prurient, che l'aveva visto cimentarsi con grandiose partiture sintetiche, oscure e muscolari, e un altalenante album su Modern Love,  l'artista del Wisconsin giunge al primo vero full length ideato e concepito come tale per Vatican Shadow. Dopo una dozzina di uscite su cassetta e vinili contenti materiale sparso, “Remember Your Black Day”, arriva senza però chiudere un cerchio, senza sigillare una stagione dell'anima del suo padrone.
 Quello che ci troviamo di fronte sono otto composizioni di lucida oscurità, che trasmettono un lavoro finalmente più dettagliato e coerente al suo interno, e una pulizia sonora maggiore.
 
Costruite secondo una formula ambient che muta in pattern techno dai toni oscuri, i nuovi paesaggi di Vatican Shadow sono la texture sonora ideale di una caccia a Saddam o Osama Bin Laden. Una visione però ormai troppo consumata dalla iperproduzione dell'artista per sorprendere o affascinare. I minuti passano diretti uno dopo l'altro come in un film d'azione discreto, ma che abbiamo visto ormai troppe volte.
Solo in coda alla tiranneggiante title track troviamo un pugno di brani capaci di coinvolgerci in un delirio techno industriale, epilettico quanto basta per interrompere la quiete malsana in cui eravamo stati condotti.

Il “primo” album di Vatican Shadow tradisce una bulimia che ha desertificato in buona parte l'impegno di Fernow. Intanto è  uscito un nuovo Ep a suo nome.

(08/12/2013)

  • Tracklist
  1. Circumstances Quickly Became Questioned
  2. Tonight Saddam Walks Amidst Ruins
  3. Muscle Hijacker Tribal Affiliation
  4. Contractor Corpses Hung Over The Euphrates River
  5. Enter Paradise
  6. Remember Your Black Day
  7. Not The Son Of Desert Storm, But The Child Of Chechnya
  8. Jet Fumes Above The Reflecting Pool
Vatican Shadow su OndaRock
Recensioni

VATICAN SHADOW

September Cell Ep

(2012 - Bed Of Nails)
Uno scenario sintetico post nucleare per il nuovo progetto di Prurient

VATICAN SHADOW

Ornamented Walls

(2012 - Modern Love)
Psicosi belliche dentro un'elettronica vivisezionata per il side-project di Nick Fernow

News
Live Report
Vatican Shadow on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.