Villagers

{Awayland}

2013 (Domino) | alt-pop

A volte è impressionante come una band sia pronta a dilapidare il credito acquisito solo un paio d’anni prima. È come vedere un amico d’infanzia che cambia scuola e ti tratta improvvisamente come uno sconosciuto, pure un po’ sfigato. E forse è proprio quello che è successo tra Conor O’Brien e la sua musica: “Non c’è modo di cantare My love is selfish per cento volte in un anno e sentirsi ancora puri e sinceri”.
Improvvisamente ci si trova incapaci di comporre canzoni, seduti col tè e la chitarra, il silenzio romba di un vuoto terrificante. Da qui esce “{Awayland}”, composto con occhi da bambino che frugano il mondo in cerca di orizzonti sconfinati, fatti di aperture strumentali barocche, roboanti, infantili appunto.

È così che, anche quando l’antica scintilla si riaccende (“The Bell”), la band cannoneggia, tenta di alzare il tiro, e si passa dal seducente motivo acustico al cacofonico finale percussivo e corale. Oppure ci si guarda intorno con aria spaesata, quando si tenta di mettersi i vestiti dei grandi, come nella springsteeniana e insospettabile “Nothing Arrived” (lo stesso si può dire di “Judgement Call”, che potrebbe essere il nuovo singolo di qualche popstar anni 80 in pensione).
Sopra le righe pare anche il tema “Broadway-iano” di “Grateful Sound”, con una chiusura in crescendo degna dei Coldplay peggiori. Insomma, il modo in cui O’Brien vorrebbe evocare un’ingenuità, una freschezza dello sguardo da Wes Anderson musicale, sa purtroppo di stantio.

Solo l’esperimento di crooning vero e proprio di “Rhythm Composer” sembra lanciare qualche lampo di coerenza (in una impercettibile tempesta di smarrimento interiore), insieme agli sprazzi malinconici di “The Waves”: “Look at the birds/ look at the bees/ My damn/ It’s all the same to me”; poco prima che tutto naufraghi nel sottofondo di bailamme house. Un disco figlio di una crisi.

(05/01/2013)



  • Tracklist
  1. My Lighthouse
  2. Earthly Pleasure
  3. The Waves
  4. Judgement Call
  5. Nothing Arrived
  6. The Bell
  7. {Awayland}
  8. Passing a Message 
  9. Grateful Song
  10. In a Newfound Land You Are Free
  11. Rhythm Composer
Villagers su OndaRock
Recensioni

VILLAGERS

Where Have You Been All My Life?

(2016 - Domino)
Una sessione live per il reboot della carriera dell'irlandese

VILLAGERS

Darling Arithmetic

(2015 - Domino)
Conor O'Brien ritorna in grande stile con un disco minimale e ispirato dedicato all'amore

VILLAGERS

Becoming A Jackal

(2010 - Domino)
Il folk delicato e visionario del giovane menestrello irlandese

Villagers on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.