Zola Jesus

Versions

2013 (Sacred Bones) | dark-wave, neoclassical

La Sacred Bones Records pubblica il nuovo full-length di Zola Jesus, ovvero l'alias di Nika Roza Danilova, artista nata e cresciuta all'interno dell'etichetta newyorkese, della quale col tempo è diventata il nome più in vista.

Aiutata per l'occasione da JG Thirlwell/Foetus, in questo "Versions" rilegge otto sue composizioni estratte dai dischi precedenti, riarrangiandole per quartetto d'archi: lo spunto viene da una performance tenuta al museo Guggenheim di New York lo scorso anno: in quella circostanza la vocalist aveva optato per una versione "classica" dei suoi brani, avvalendosi per l'appunto della collaborazione dell'eclettico compositore australiano.
"Versions" traspone ora tali sinergie su disco: le canzoni contenute nell'ultimo "Conatus" guadagnano in questo modo una dimensione più intima, "correggendo" la deriva dance-oriented intrapresa nell'ultimo periodo; ne risulta un lavoro d'effetto, dove la voce della Danilova spicca potente e cristallina stagliandosi sopra a uno sfondo neoclassico, suggestivo e toccante.

Zola Jesus si conferma una delle "eredi" di Siouxsie più dotate: la sua voce, carica di personalità, è divenuta un vero e proprio trademark e fa piacere ritrovarla in un contesto più umbratile e introspettivo, che recupera - declinandolo in una veste diversa - il cupo magnetismo delle sue prime incisioni. Resta ora l'incognita in merito alle sue prossime mosse: asseconderà la svolta "pop" di "Conatus" o tornerà alle sue radici oscure?
Nell'attesa possiamo lasciarci cullare da queste nove "variazioni sul tema" (c'è anche l'inedita "Fall Back"), nove piccole gemme di "chamber music", come fioche luci a illuminare questo lungo autunno del 2013.

(25/11/2013)



  • Tracklist
  1. Avalanche (Slow)
  2. Fall Back
  3. Hikikomori
  4. Run Me Out
  5. Seekir
  6. Sea Talk
  7. Night
  8. In Your Nature
  9. Collapse
Zola Jesus su OndaRock
Recensioni

ZOLA JESUS

Okovi

(2017 - Sacred Bones)
Il ritorno per Sacred Bones di Nika Roza Danilova, potente conversione pop delle spinte darkwave degli ..

ZOLA JESUS

Taiga

(2014 - Mute)
La definitiva trasformazione di Nika Danilova nel passaggio alla Mute

ZOLA JESUS

Conatus

(2011 - Sacred Bones)
Sempre pił ripulita e laccata, torna Nika Roza Danilova, al secolo Zola Jesus

ZOLA JESUS

Stridulum

(2010 - Sacred Bones)
Sei nuovi brani per la musicista americana, nel solco del precedente "The Spoils"

ZOLA JESUS

Stridulum I I

(2010 - Souterrain Transmissions)
Una riedizione dell'Ep "Stridulum", ampliata per il mercato europeo

ZOLA JESUS

New Amsterdam

(2009 - Sacred Bones)
Il debutto della "next big thing" della Crimson Wave

ZOLA JESUS

The Spoils

(2009 - Sacred Bones)
Spaccati esistenziali in disfacimento nel disco-consacrazione di Nika Roza Danilova

News
Zola Jesus on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.