Alcest

Shelter

2014 (Prophecy Productions) | dream-shoegaze, acoustic

Proseguendo il sentiero intrapreso dal precedente “Les Voyage De L’Âme”, Neige ha ormai completato la trasformazione sonora che aveva intrapreso; allontanandosi sempre di più dalle sue radici black metal e “purificandole” dentro una nuova forma eterea, astratta dai toni più vicini a uno shoegaze solare. L’artista francese (già membro di Amesoeurs e Peste Noire) tesse trame oniriche in maniera sempre più stratificata, portandoci a un senso di vuoto, di vacuum emotivo che raschia via le ultime pelli morte di malinconia ed epica aggressività che caratterizzavano il suo disco precedente.
 
Un sole visto a occhi spalancati,  durante una danza meditativa o un momento di tragico raccoglimento, “Shelter” è un rifugio dalle ombre e dalle forme complesse, una pianura verdissima che confina con un cielo altrettanto puro e imperfetto. Qui l’ascoltatore può trovare un piacere nell’immobilità o trarne la sua decadenza. Una decadenza ambigua, che si delinea al cospetto di una luce fredda e perfetta, naturale creatura della produzione di Birgir Jón Birgisson, produttore dei Sigur Ròs, che lascia spazio a un’atmosfera acustica e veramente intimista nella candida “Away” in cui troviamo la voce di Neil Halstead degli Slowdive. È questo un momento di rara poesia che si infrange con una superficie forse troppo liscia e levigata, che non comunica niente al di fuori di un’immagine idilliaca di protezione ed equilibrio.

Il singolo “Opale” come le successive “La nuit marce avec moi” e “Voix sereines” sono cristalli perfetti di suono riverberato, in cui la luce segna traiettorie circolari velocissime e precise, tra uno shoegaze albeggiante e uno spettro metal, del tutto rarefatto, che costruiscono alti palazzi di vetro. Peccato che rimangano asettici giochi di maniera, come la title track o la lunga e conclusiva “Delivrance”, che mostrano una produzione e arrangiamenti splendidi nel senso più luminoso del termine, peccato che oltre quella luce non si riesca a cogliere un’umanità, una poesia toccante.

Forse è la perdita del lato più inquieto e cupo della musica di Neige ad averla privata del fascino che la circondava e della forza emotiva che riusciva a interpretare. Un “forse” che sembra ormai una certezza.

(26/01/2014)

  • Tracklist
  1. Wings    
  2. Opale    
  3. La Nuit Marche Avec Moi
  4. Voix Sereines
  5. L'éveil Des Muses    
  6. Shelter    
  7. Away    
  8. Deliverance
Alcest su OndaRock
Recensioni

ALCEST

Kodama

(2016 - Prophecy Productions)
Il progetto di Neige riprende le sue sonorità più distorte e malinconiche

ALCEST

Les Voyages De L'┬me

(2012 - Prophecy)
Nuove distorsioni sognanti nel terzo album del polistrumentista francese

ALCEST

╔cailles De Lune

(2010 - Prophecy)
Il secondo album di Stéphane Paut aka Alcest, ancora più nostalgico e introspettivo

ALCEST

Souvenirs D'un Autre Monde

(2007 - Prophecy)
Rapimenti shoegazer nel debutto su Lp della one-man band di Avignone

Alcest on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.