Amen Dunes

Love

2014 (Sacred Bones) | avant-songwriter

L’estetica lo-fi fratturata di Damon McMahon trova in questo nuovo “Love” il compimento di un impegno tecnico più pronunciato, perfezionato in compagnia di membri dei Godspeed You! Black Emperor e con Colin Stetson a esibirsi in qualcuna delle sue comparsate al sax. Ne risulta così un disco che sovrappone – cosa non nuova dopo la firma di Marissa Nadler – la visione Sacred Bones al cantautorato americano classico.

McMahon aka Amen Dunes si muove con una certa coerenza d’insieme tra atmosfere Velvet-iane (“Everybody Is Crazy”) e stranianti stomp country blues che sembrano richiamare il disagio di “Neon Bible” (“White Child”), fino ad abbozzare enigmatiche normalizzazioni (“I Know Myself”).

“Love” rimane però un disco che vive di sottintesi e quasi mai di contenuti espliciti: laddove la scrittura latita, subentrano fascinazioni spesso appena suggerite – nel bene e nel male, un altro miraggio targato Sacred Bones. Ancora disperso il riferimento ad “Astral Weeks” promesso da McMahon nell’annunciare l’uscita del disco.

(25/04/2014)



  • Tracklist
  1. White Child
  2. Lonely Richard
  3. Splits Are Parted
  4. Sixteen
  5. Lilac in Hand
  6. Rocket Flare
  7. I Know Myself
  8. Everybody Is Crazy
  9. Green Eyes
  10. I Can't Dig It
  11. Love
Amen Dunes su OndaRock
Recensioni

AMEN DUNES

Through Donkey Jaw

(2011 - Sacred Bones)
Damon McMahon esordisce su Sacred Bones con un lavoro di oscuro e alieno pop-rock psichedelico

AMEN DUNES

Dia

(2009 - Locust)
Una deludente miscela di garage, psichedelia e folk-pop per l'esordio di Damon McMahon

Amen Dunes on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.