Frank Bretschneider + Steve Roden

Suite Nuit

2014 (LINE) | electroacoustic, abstract-impro, found sound

Prima di ergersi, assieme a Byetone e Alva Noto, a paladino della ricostruzione techno per mezzo del glitch – ovvero ciò che comunemente chiamiamo abstract-techno – Frank Bretschneider aveva già avviato una carriera improntata su una costante parola chiave: destrutturazione formale. Una tecnica applicata con successi alterni agli ambiti più disparati, dall'ambient generativo dei “Looping” alle geometrie del progetto Komet e dell'album omonimo, che arrivò silenziosamente ad abbracciare la sound art astratta nel senso più ampio possibile.

Correva l'anno 2004, dunque in piena epopea microsound: promotore e regista dell'intera operazione fu in realtà il magnate Steve Roden, uno con cui chiunque voglia vantare un posto speciale nell'olimpo di questo universo sonoro deve aver collaborato almeno una volta. Quella raccolta nelle due parti del disco è una performance tenuta presso la Parochial Church di Berlino quando tutte queste forme sonore non avevano raggiunto l'attuale diffusione.

Roden si presentò allora con un arsenale potenzialmente in grado di costruire ricami melodici tanto quanto profonde ossature di found sound, con Bretschneider impegnato invece nel calcolare al millimetro i contributi del suo Micro Modular. Per comprendere la vastità di questa tavolozza basta in realtà un rapido ascolto a questo “Suite Nuit”: field recordings di ogni genere, laptop sounds che hanno scritto la storia, richiami organici in forma di melodie e armoniche, beat minimali ma sempre pronti a costituire ossature forti.

La prima metà dell'esibizione, della durata di venti minuti abbondanti, sembra così offrire uno spaccato dello stato delle cose i tutti i tratti somatici della sound art di inizio millennio: dall'immersione in liquidi post-dub dell'inizio alle possenti trame del laptop al cuore del set, con brevi quanto significativi passaggi microsonori a condire il tutto. Decisamente più uniforme nel suo minimalismo monocorde è la mezz'ora della seconda metà, embrione di certe trame post-minimaliste che sarebbero state riciclate (ed abusate) in quest'inizio di decennio Dieci.

Un interessante documento che poco aggiunge alle carriere dei due, ma che traccia con successo una linea di giunzione tra passato e presente.

(06/02/2015)

  • Tracklist
  1. Part 1
  2. Part 2
Frank Bretschneider + Steve Roden on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.