Cherry Ghost

Herd Runners

2014 (Heavenly) | indie-pop

Facendosi ingannare dall'attacco e dalla simile distesa d'archi, “Clear Skies Ever Closer” potrebbe addirittura essere scambiata per una nuova “People Help The People”. Quel che manca all'opener di “Herd Runners” per tener testa a quella splendida ballata che aveva sancito il picco massimo (e unico) di popolarità mainstream dei Cherry Ghost è la profondità atmosferica, ma forse pure un ritornello con un minimo di presa. Insomma, no malinconia no party, ma questo a voler attivare la memoria lo avevamo già visto tre anni fa. Iniziamo da qui a parlare del nuovo lavoro del quintetto di Boston, perché si tratta a conti fatti di un paradigma perfetto per definire il suo valore, in assoluto e in rapporto al passato.

Ce lo ricordiamo più o meno tutti quello stranissimo video che, quasi per caso, iniziò a girare per le emittenti di massa accompagnando un languido inno alla generosità e alla solidarietà: nulla di trascendentale, per molti, ma la capacità di quel successo di risultare al tempo stesso accattivante e commovente non era arma da sottovalutare. Il “problema”, se tale possiamo definirlo, è che da dopo quel “Thirst For Romance” che il singolone aveva trascinato a insperate posizioni nelle classifiche di tutt'Europa, i Cherry Ghost hanno sostanzialmente avviato un processo di metabolizzazione delle componenti più immediate della loro musica. Uno sforzo lodevole che li ha pero trasformati da meteora mainstream di classe a “una delle tante” band indie-pop di cui il decennio Dieci pullula.

Perdendo l'immediatezza, la loro musica ha perso insomma anche buona parte del suo fascino. Che non è certo sinonimo di bellezza: nella scacchiera di questo terzo parto, covato per ben quattro anni, vi sono piccole gemme come la sinuosa “Sacramento”, l'omaggio ai primi Coldplay della title track, l'arcobaleno strappato agli Alpaca Sports di “Love Will Follow You” e la ballad al retrogusto trip-hop di “Joanne”. C'è (ancora) un'eleganza notevole, c'è un amore dichiarato (pure quello non inedito, ma di sicuro più evidente) per Pastels e Belle And Sebastian, e c'è pure un ricorso (quello sì del tutto nuovo) all'elettronica come corredo negli arrangiamenti. Ma la freschezza e la capacità di suonare accattivanti, quelli sono tratti somatici che non ci sono davvero più.

Che fra le fantasie leggere e sognanti di “Fragile Reign” e le infiorescenze in stile primi Cats On Fire di “Don't Leave Me Here Alone” affiori quell'ottima penna che avevamo avuto modo di conoscere è un dato di fatto che aggrava a ben vedere ulteriormente il bollettino, assieme a una schiera di autentici passaggi a vuoto perdonabili forse solo alla luce di altrettante perle cristalline (che qui, però, non ci sono). E per quanto possano aver influito i vari impegni di Simon Aldred (dal side-project Out Cold all'attività di autore per new sensation come Sam Smith e Kwabs) assieme al cambio d'uomo in cabina di produzione (da Dan Austin a Colin Elliott), il risultato è la più tipica delle ciambelle riuscite con tanto di buco ma prive di sapore.

(07/05/2014)

  • Tracklist
  1. Clear Skies Ever Closer
  2. Don't Leave Me Here Alone
  3. Fragile Reign
  4. Sacramento
  5. The World Could Turn
  6. Drinking For Two
  7. Herd Runners
  8. My Love Lies Under
  9. Love Will Follow You
  10. Joanne
Cherry Ghost on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.