Mark Lanegan

Has God Seen My Shadow? An Anthology 1989-2011

2014 (Light In The Attic) | songwriter

Che Mark Lanegan amasse vivere nell’ombra è sempre stato abbastanza evidente, anche se la sua è un'ombra sfuggente, quasi autonoma. Ci sembrava di averne visto i contorni nella sua avventura coi Screaming Trees, ma dalle rovine della sua band sbucarono inattese passioni per il lato oscuro del songwriting.
Mark in verità non è stato mai un vero leader, e questo suo atipico ruolo di outsider ha ossessionato le sue incursioni nella storia del rock: dai Queen Of The Stone Age ai Soulsavers il percorso appare accidentato, nonostante ciò, Lanegan non ha mai rinunciato a quell’insieme di fede, morte e sarcasmo che ha raccontato un’altra America, meno gloriosa di quella di Springsteen e non tormentata come quella di Kurt Cobain.

“Has God Seen My Shadow?, An Anthology 1989-2011” scruta nel suo percorso artistico concentrandosi sulla sua carriera solista, mettendo in evidenza non solo le ombre ma anche le luci della sua carriera. Ballate notturne e misteriose leggermente increspate di blues e addolcite da folk e country, una voce che anche quando sembra distratta e indolente è ricca di passione e sensualità, una musica intrisa di alcol e fumo che inebria senza stordire, questo è quello che attende chi ancora non conosce Mark Lanegan.
La doppia antologia della Lights In The Attic è impreziosita da un raffinato packaging e da un libro di 32 pagine, ma soprattutto da un secondo disco ricco di rarità e inedite collaborazioni dell’artista, che non appare esaustiva ma raccorda il mood che viene fuori dall’escursione antologica del primo cd.
Il romanticismo della inedita “To Valencia Courthouse” e l’imprevisto fulgore ironico della sua versione del classico di Jackson C. Frank “Blues Run The Game” sono più che sufficienti per catturare l’attenzione dei suoi fan ma anche di chi ha scoperto da poco il suo oscuro mondo poetico.

Non mancano i suoi mantra folk-blues dal forte impatto estatico (“Leaving Now River Blues”) e piccoli gioiellini per voce e chitarra (“Grey Goes Black”). Nella lunga escursione dei venti brani del primo cd non mancano delle lacune, ma questo avviene solo perché la musica di Lanegan anche nei suoi tratti più incerti possiede una rara attitudine artistica: la notturna “Low” e l’asciutta ballad “Wild Flowers” sono solo due dei versanti sui quali si agitano le visioni sonore del musicista. Quello che vi attende è più di quanto possiate immaginare.

(10/03/2014)



  • Tracklist
  1. Bombed
  2. One Hundred Days
  3. Come To Me
  4. Mirrored
  5. Pill Hill Serenade
  6. One Way Street
  7. Kimiko's Dream House
  8. Low
  9. Resurrection Song
  10. Shiloh Town
  11. Creeping Coastline Of Lights
  12. Lexington Slow Down
  13. Last One In The World
  14. Wheels
  15. Mockingbirds
  16. Wild Flowers
  17. Sunrise
  18. Carnival
  19. Pendulum
  20. The River Rise
  21. Dream Lullabye
  22. Leaving New River Blues
  23. Sympathy
  24. To Valencia Courthouse
  25. A Song While Waiting
  26. Blues For D (Vocal Version)
  27. No Contestar
  28. Big White Cloud
  29. Following The Rain
  30. Grey Goes Black
  31. Halcyon Daze
  32. Blues Run The Game (Live)




Mark Lanegan Band su OndaRock
Recensioni

MARK LANEGAN BAND

Gargoyle

(2017 - Heavenly)
Dieci nuove tracce scritte con Rob Marshall e Alain Johannes. Ospiti Josh Homme, Greg Dulli, Duke Garwood ..

MARK LANEGAN BAND

A Thousand Miles Of Midnight: Phantom Radio Remixes

(2015 - Heavenly)
L'ex-leader degli Screaming Trees gioca a farsi remixare i brani di "Phantom Radio"

MARK LANEGAN

Phantom Radio

(2014 - Heavenly / PIAS Cooperative)
Il cantautore americano festeggia gli imminenti 50 anni con un nuovo album, dove tornano suoni wave

MARK LANEGAN & DUKE GARWOOD

Black Pudding

(2013 - Heavenly)
Dalle parti delle "Field Songs", con meno meraviglia e pił umanitą

MARK LANEGAN

Imitations

(2013 - Vagrant)
L'interprete di "I'll Take Care of You" lascia il posto a un imitatore

MARK LANEGAN BAND

Blues Funeral

(2012 - 4AD)
Dopo otto anni torna l'ex-Screaming Trees, tra il solito folk-blues tinto di nero e nuove infatuazioni ..

MARK LANEGAN

Bubblegum

(2004 - Beggars Banquet)

News
Live Report
Speciali



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.