Orcas

Yearling

2014 (Morr) | dream-pop, ethereal, ambient

In molti si ricorderanno, ventiquattro mesi or sono, del primo “Orcas”. Un disco di due musicisti molto più che affermati nel loro ambito, il cui sodalizio riusciva però a scaldare i cuori anche dei meno familiari alle sonorità ambientali. Probabile che Benoît Pioulard e Rafael Anton Irisarri non avessero previsto un tale ed eterogeneo successo per quella che allora ci era sembrata una svolta pop impressa a carriere fino a quel momento ben assestate su tutt'altre condinate. Pop music ambientale, l'avevamo definita qui e sentita definire da parecchie parti, laddove la forma prevaleva decisamente sulla sostanza, donandole sobrietà ma al tempo stesso limitandola.

Oggi sappiamo che la vera svolta pop era di lì a venire, nel giro di due soli anni, nel mezzo dei quali Pioulard ha trovato il tempo per un bel ritorno su Kranky (“Hymnal”) e Irisarri ha consacrato il suo drone side su uno dei dischi più belli dell'anno scorso. Tutti mondi dei quali non troviamo traccia in “Yearling”, che riparte invece proprio dagli scenari incontaminati del suo predecessore, trasferendo però il proprio cuore dalla sfera della suggestione estetica a quella dello spettro emotivo. Se “Orcas” dipingeva un viaggio in un paradiso sottomarino, qui si torna in superficie, tra spiagge, boschi e tramonti.

Ed è già nelle acque dolci mosse dal vento di “Pethricor” che si consuma l'emersione, il distacco tra passato (ambient) e presente (pop). Solo la nostalgica “Selah” si concede un ultimo tentativo di sguardo verso il fondale marino, quasi un sussurro di addio. I primi passi sulla terra ferma avvengono all'insegna del sole limpido nello splendido omaggio a Robin Guthrie di “Infinite Stilness”, quella pop song da capogiro scelta pure come primo singolo che si candida senza mezze misure a manifesto della nuova arte a firma Orcas. Scampoli d'estate che si spengono lasciando spazio all'autunno nelle velature di “Capillaries”, dove la malinconia prende il sopravvento.

Facile sarebbe ricondurre questa nuova alchimia ad alcune fra le più belle canzoni scritte dal cantautore (Pioulard) unite alle partiture più sognanti e cristalline mai firmate dal compositore (Irisarri): imprevedibile è stato scoprire, nell'intervista concessaci dai due, che i ruoli sono qui invertiti, fatta eccezione per il notturno folk di “An Absolute” (quasi un outtake di “Lasted”). E dunque il sole splendente di “Half Light” è il volto pop di Rafael, e la re-immersione in otto minuti di puro drone di “Tell” è un'improvvisazione firmata dal solo Thomas alla chitarra. Di mezzo “Filament”, una retromarcia laconica a coronare il romanticismo di cui tutto il disco è pregno. Un romanticismo pop, fra i più seducenti dei nostri tempi.

(24/10/2014)

  • Tracklist
  1. Pethricor
  2. Infinite Stillness
  3. Half Light
  4. Selah
  5. Capillaries
  6. An Absolute
  7. Filament
  8. Tell
Orcas su OndaRock
Recensioni

ORCAS

Orcas

(2012 - Morr Music)
L'incantevole liaison di Pioulard e Irisarri, sotto le insegne della Morr Music

Orcas on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.