Origamibiro

Odham's Standard

2014 (Denovali) | modern classical

Origamibiro è la più recente e fulminante delle scoperte di casa Denovali. Recuperato a inizio anno dal catalogo della Expanding del magnate dei synth analogici Benge, è di un progetto dalle anime variegatissime, un autentico crossover artistico iniziato anni or sono dalla mente dell'ex-Wauvenfold Tom Hill e apertosi solo successivamente a una serie di altre figure, le più longeve delle quali - Andrew Tytherleigh e il regista Jim Boxall - compongono ancora l'attuale formazione. Il lancio del brand era avvenuto con la più tipica operazione in stile Denovali, un delizioso cofanetto che raccoglieva tutte e tre le prime testimonianze discografiche di un'esperienza che già al tempo mostrava una grande varietà di potenziali articolazioni stilistiche.

Neanche il tempo di farsi conoscere che Hill e soci giungono a pubblicare il loro primo lavoro inedito per l'etichetta tedesca, una ripartenza che recupera la dimensione sonora del precedente “Shakkei” per evolverla verso un ulteriore e definitivo spoglio dalle componenti più sperimentali. Il sentiero intrapreso volge stavolta a una forma effimera di modern classical, in quello che è un mix di sample e field recordings naturali, mini-sinfonie cameristiche e digressioni soliste di strumenti acustici, in particolare chitarra e pianoforte. Si mantiene ed è forse addirittura enfatizzata la dimensione autunnale e naturalistica, da sempre tratto somatico delle sonate di Hill e soci, di sicuro fra gli esponenti più “romantici” mai affacciatisi a un panorama di norma fin troppo razionale.

Quel che risalta subito, anche a un ascolto superficiale, rispetto ai precedenti capitoli è uno sfruttamento decisamente maggiore di cliché e artifici del caso, la perdita parziale di quel carattere selvaggio e irrequieto proprio soprattutto del primo “Cracked Mirrors & Stopped Clocks”, in favore di una dimensione maggiormente “intellettuale”. Non per questo vengono a mancare una manciata di sorprese, indicative di una sequenza di possibili nuove vie da percorrere: il coloratissimo caleidoscopio dell'iniziale “Ada Deane”, il pendolo espressionista di “Direct Voice”, il groviglio di arpeggi di “Armistice Cenotaph”, il carillon velato di zucchero in crescendo d'archi di “Butterfly Jar” e l'estasi in chiusura di “Feathered”. Tutte porte che restano apertissime per un futuro dai tanti possibili volti.

Nei rigurgiti piovosi della title track e nei fotogrammi in bianco e nero di “Raising William” il mestiere diviene componente decisiva, ben dosata e iniettata in maniera meticolosa solo laddove ne si sente il bisogno: una capacità tecnica sopraffina, sfruttata però per nascondere qualche lacuna di troppo a livello ispirativo, che si ripropone in maniera più evidente negli svolazzi asettici di “Tinder”, negli arpeggi nel vuoto di “The Typophonium” e nelle monotone falcate di violoncello di “Pulmonary Piano”. Tre episodi dove pure la messa a fuoco viene a mancare, complice soprattutto l'evidente ruolo di “disco di transizione” che questo “Odham's Standard” pare ricoprire, da un passato sperimentale e astratto a un futuro prossimo fatto di suggestioni con lo sguardo volto a quella modern classical la cui breccia si mantiene in vertiginoso aumento.

(08/04/2014)

  • Tracklist
  1. Ada Deane
  2. Tinder
  3. Odham's Standard
  4. Direct Voice
  5. The Typophonium
  6. Armistice Cenotaph
  7. Raising William
  8. Pulmonary Piano
  9. Butterfly Jar
  10. Feathered
Origamibiro su OndaRock
Recensioni

ORIGAMIBIRO

Collection

(2014 - Denovali)
Denovali fa luce con un cofanetto sul ridotto catalogo del progetto di Tom Hill

Origamibiro on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.