Paolo Saporiti

Paolo Saporiti

2014 (Orange Home) | avant-folk

Quinto album in studio e anno zero per Paolo Saporiti. Un capolavoro assoluto, un album quasi perfetto, la sintesi del rock indipendente italiano più colto, ma anche e soprattutto qualcosa di nuovo e a fuoco. Liriche, per la prima volta, in italiano, vene, nervi e sangue a nudo. In copertina Paolo, appena bambino, con suo padre. Dall'incipit di “Come Venire al Mondo” alla perfezione assoluta di “Io no ho Pietà”, che sembra evocare il meglio degli Alice in Chains di “Jar of Flies”, i rimandi, ma solo di background reso pelle (Ian Anderson, Roy Harper, Van Morrison, Nick Drake) e mutato in contemporaneità assai autentica e ben più di quanto prodotto dalla scena anglofona, si assiste ad un rito di manifestazione/purificazione, attraverso il fare/essere musica, che in Italia mai ha avuto (e non ha) eguali.

“Sangue” fa paura, con la presenza agli arrangiamenti, anche, a cura, di Xabier Iriondo che si ricollega a un senso di archetipo universale, nell'attraversamento, in pochi minuti, di migliaia di anni di Occidente, Oriente e che ci sta nel mezzo, che si fa emozione. Il testo è pura confessione. Cristiano Calcagnile è tanto più Dio in “Come Hitler”: è facile, del resto, essere sperimentali in un brano sperimentale, è difficile esserlo in un disco cantautoriale e questo lo è, ma in chiave dichiaratamente “avant”. Basta poco a fare di “L'Effetto Indesiderato” un capolavoro: un'acustica, una voce intima e bellissima, suoni di laptop, i sax di Stefano Ferrian, in attesa fremente di deragliare in urlo. Una meraviglia come ben poche. Amore puro.

Déja-vu iniziale di Calcagnile su “Ho bisogno di te” che svanisce in fretta, definendo un capolavoro senza mezzi termini, che si appoggia su un testo e un'interpretazione di una violenza tale “io vorrei cagarti in testa, io vorrei pisciarti in bocca, ma poi, ho bisogno di te”, da lasciare raggelati, dedicati, si fa per dire, a “un piccolo uomo che disse: facile cantare su questi accordi”. Non credo di aver mai “ascoltato” migliore vendetta. Piccoli archi amplificati ad orchestra piena su “Erica”, dove la voce di Saporiti, dal timbro baritonale fin qui carezzevole, si eleva a controtenore, mentre fuzz assortiti le gettano addosso fango.

“In un Mondo Migliore” è l'episodio meno rilevante, ma di quelli che il pubblico medio italiano saprà meglio apprezzare. Stessa immediatezza pop per “Il Vento dice addio alla Luna”, che però si fa forte di una bella interpretazione vocale. Chiude il disco una sensazionale “P.S.”, a cantare in bestemmia un amore finito, tra una splendida melodia e grandi interventi di Iriondo. Un inchino, ma senza devozione, sarebbe poco gradito in quanto tale. Ascoltatelo, mi direte poi se Edda e Nada hanno prodotto le cose migliori in Italia, nel 2014.

(19/02/2015)

  • Tracklist
  1. Come venire al mondo
  2. Io non ho pietà
  3. Cenere
  4. Sangue
  5. Come Hitler
  6. L'effetto indesiderato
  7. Ho bisogno di te
  8. Erica
  9. In un mondo migliore
  10. Caro presidente
  11. Il vento che dice addio alla Luna
  12. P.S.
Paolo Saporiti su OndaRock
Recensioni

PAOLO SAPORITI

Bisognava dirlo a tuo padre...

(2015 - Orange Home)
Nuovo lavoro dal titolo lungo per il cantautore italiano

PAOLO SAPORITI

Just Let It Happen

(2008 - Canebagnato Records)
Delusione per il ritorno del cantautore milanese

PAOLO SAPORITI

The Restless Fall

(2006 - Canebagnato Records)
Uno squarcio d’autunno sulle soglie di un estate ancora lontana.

Paolo Saporiti on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.