Paul White

Shaker Notes

2014 (R&S) | digital soul, trip-hop

Dopo il sorprendente “Paul White And The Purple Brain”, costruito esclusivamente su campionamenti rubati a dischi di S.T. Mikael, un oscuro rocker svedese in grado di miscelare psichedelia e progressive con forti influenze orientali, il produttore londinese cambia ancora direzione pubblicando il suo primo album su R&S, l'etichetta che ha rilanciato il soul digitale grazie al successo di James Blake.

Sulle undici tracce di “Shaker Notes” White ha abbandonato il campionatore per imbracciare basso, chitarre e batteria: i break psichedelici (la bibbia Boomkat lo definiva un incrocio tra Rza e Boards Of Canada) hanno lasciato il posto a groove morbidi dal sapore blues. Come lascia ben intuire il singolo scelto per promuovere l'album, “Honey Cats”, una ballata fumosa che cortocircuita Tom Waits e Portishead.
Altrettanto seducente l'aroma soul di “All We Know” e “Is It Up To Us?”, due danze trip-hop dove una voce narcolettica fa da contraltare a riff suonati in slow motion.

Anche quando i bpm provano a salire, come sul funk sussurrato di “Wait & See”, una sorta di nebbia psichedelica avvolge sempre l'atmosfera. A forza poi di campionare dischi progressive nei suoi tre precedenti album, il giovane musicista inglese ha anche sviluppato il gusto per atmosfere jazz-rock che sanno di anni 70 (“Fighting To Dance”, “Sitting In Circles”).

(27/09/2014)

  • Tracklist
  1. Intro
  2. All We Know
  3. Where You Gonna Go
  4. Honey Cats
  5. Wait and See
  6. Running on a Rainy Day
  7. Fighting to Dance
  8. Is It Up To Us
  9. Sitting in Circles
  10. Numbers of Change
  11. Shaker Notes
Paul White on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.