Prostitutes

Petit Cochon

2014 (Spectrum Spools) | techno

In poco più di tre anni di attività la Spectrum Spools di John Elliott è diventata un punto di riferimento per tutti gli appassionati di musica elettronica. Il ricco catalogo dell'etichetta nata come costola della più blasonata Editions Mego si può dividere in due grandi parti: la prima raggruppa quei progetti che cercano di aggiornare la grammatica della Berlin school; la seconda mette insieme le frange più sperimentali della scena sotterranea a stelle e strisce.

Entrambe le correnti sono emerse all'inizio degli anni Zero grazie all'attività di micro-etichette che spesso pubblicavano solo cd-r o cassette. Poi il successo degli Emeralds ha portato a galla nomi altrimenti destinati a scomparire dalle mappe ancora prima di essere notati. Non c'è da stupirsi quindi che proprio l'ex-Emeralds John Elliott curi le pubblicazioni della Spectrum Spools, pubblicando spesso artisti di quella scena di Cleveland che ha visto crescere da vicino. Come James A. Donadio, alias Prostitues, che per l'etichetta di Elliott ha appena pubblicato il suo nuovo album, “Petit Cochon”.

La partenza è un beat scarno e asciutto tagliato con l'accetta, come si usava sui primi dischi di hip-hop, impreziosito da un groove quasi industrial (“Powerful Magnets”). Senza soluzione di continuità il suono si perde nel magma krauto di “The Bluffer's Corporation”. In meno di cinque minuti sono emerse le due anime di Prostitutes: quella ambient-space e quella più cattiva, quasi punk, dove si fa sentire il passato rock di Donadio (che non molti anni fa ha suonato anche con membri dei Pere Ubu).

La marcia in 4/4 di “Tube Without Exit”, la techno amniotica di “Build Your Kits”, l'assalto tribale di “Cylindrical Habitat” e, soprattutto, la sinuosa "Four Basic Forces" mostrano tutto l'amore di Donadio per la techno-dub della Chain Reaction.
Il disco è disponibile solo in Lp e Dl.

(27/08/2014)

  • Tracklist
  1. Powerful Magnets
  2. The Bluffer'€™s Corporation
  3. Tube Without Exit
  4. Build Your Kits
  5. Suck Out The Reason
  6. A Number Between Their Eyes
  7. Cylindrical Habitat
  8. Stains Left Unnamed
  9. Suffocate, Purchasing
  10. Four Basic Forces
Prostitutes su OndaRock
Recensioni

PROSTITUTES

Dance Tracksz

(2017 - Diagonal)
La techno "Diagonale" del misterioso producer americano inaugura l'anno di dancefloor

PROSTITUTES

Psychedelic Black

(2012 - Stabudown)
Elettronica primordiale e psicotica nel primo disco di Jim Donadio, aka Prostitutes

Prostitutes on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.