Steve Roach & Kelly David

The Long Night

2014 (Projekt) | ambient

Il 2014 è iniziato da nemmeno un mese e porta già sulla sua lista la firma di Steve Roach. L'instancabile vate dell'ambient music si presenta, esattamente come avvenuto l'anno scorso, con un progetto collaborativo ad arricchire il catalogo della fida Projekt: ad affiancarlo in questa sua nuova opera è Kelly David, musicista con base in Colorado che ha seguito da vicinissimo l'evolversi della scena californiana, senza mai riuscire però ad emergere al pari dei suoi contemporanei.
Amici di lunga data, i due hanno deciso di unire le proprie anime artistiche dopo anni di progetti e idee, fino ad oggi sempre puntualmente rimandati a date da destinarsi e mai effettivamente concretizzatisi.

A conseguirne è dunque “The Long Night”, un'opera che torna a vertere come prevedibile sull'espressione più classica dell'ambient del maestro di La Mesa, ma in grado all'interno di essa di cercare e trovare punti di contatto con alcuni degli universi confinanti. Capita così che a solcare un reticolo fisso di droni oscuri tanto da lambire in alcune occasioni il puro dark-ambient vi siano a turno le pulsioni viscerali coniate al fianco di Byron Metcalf, sfumature di sinewaves e i più classici flussi astrali divenuti ormai marchio di fabbrica della sua miscela. Una contaminazione già propria di gran parte delle ultime opere dell'artista, impegnato da qualche anno a questa parte in una conciliazione fra la moltitudine delle sue anime sonore.

Il risultato è un magniloquente inno alla notte, esplorata in tutte le sue facce e da punti di osservazione situati in luoghi e ambienti diversi, dalla foresta artica riprodotta in copertina a boschi tropicali, passando per distese desertiche e vaste praterie. Anche il cielo stesso viene dipinto con volti diversi: scuro e privo di qualsiasi luce nell'avvolgente “Last Light”, solcato da nuvole alte e fitte nella prima metà di “Calm World”, pronte poi a dissiparsi rapidamente nella seconda per lasciare spazio a estese costellazioni. Nei battiti sotterranei di “The Deep Hours” queste sembrano prendere vita e dare il via a una sorta di danza primordiale, per poi fermarsi di colpo e lasciare spazio al passaggio simultaneo di più comete nel conclusivo quarto d'ora della title track.

L'abilità con cui questi mostri sacri da tre dischi di inediti all'anno (Roach) o dal tardivo quanto meritato arrivo nell'Olimpo (David) si dimostrino in grado di musicare immagini e suggestioni è dato tutt'altro che sorprendente. Ciò che continua a stupire ancor oggi è la capacità di rendere tutto questo per mezzo di un linguaggio talmente inconfondibile e personale da aver trovato nella variazione sul tema l'unica possibile via di sviluppo.
Evoluzione che nonostante questo continua a non mancare, a presentarsi ciclicamente, sebbene sotto forma di un processo graduale, imperniato più su cambi atmosferici e combinazioni stilistiche che su autentici sviluppi sonori. Una musica che trova nel legame dialogico con l'ambiente una fonte di linfa vitale che sembra sempre più lontana dal potersi esaurire.

(22/01/2014)

  • Tracklist
  1. Last Light
  2. Season Of Nights
  3. The Deep Hours
  4. Calm World
  5. The Long Night
Steve Roach su OndaRock
Recensioni

STEVE ROACH

Spiral Revelation

(2016 - Projekt)
Immortali flussi di bellezza nel nuovo album del maestro dell’Arizona

STEVE ROACH

Invisible

(2015 - Timeroom)
Il viaggio nell'oscurità del maestro californiano

STEVE ROACH

Skeleton Keys

(2015 - Projekt)
Il maestro dell'ambient music ritorna al passato e riparte da un set-up interamente analogico

STEVE ROACH

Etheric Imprints

(2015 - Projekt)
Il corriere dell'ambient music firma il suo disco "isolazionista"

STEVE ROACH

Structures From Silence - 30th Anniversary Edition

(2014 - Projekt)
Nuova edizione "expanded & deluxe" di un caposaldo della "space electronic music"

STEVE ROACH

The Delicate Forever

(2014 - Projekt)
Roach festeggia i trent'anni di "Structures From Silence" riassumendo le trame più quiete del ..

STEVE ROACH

The Desert Collection - Volume One

(2014 - Timeroom)
Una raccolta selezionata di classici intramontabili per il sovrano dell'ambient music

STEVE ROACH

At The Edge Of Everything

(2013 - Timeroom)
Roach ripesca una delle sue rarissime performance europee risalente a inizio millennio

STEVE ROACH

Soul Tones

(2013 - Timeroom)
Il ritorno di Steve Roach alla formula pił classica della sua ambient music

STEVE ROACH

Future Flows

(2013 - Projekt)
Ennesimo lavoro di spessore per l'inesauribile re dell'ambient music

STEVE ROACH

Live Transmission

(2013 - Projekt)
La quarta firma di Steve Roach sul 2013 è la registrazione di un live radiofonico

STEVE ROACH

Spiral Meditations

(2013 - Timeroom)
La nostalgia per la Berlin School nelle spirali del maestro californiano

STEVE ROACH

Day Out Of Time (ristampa)

(2012 - Projekt)
Ristampa per il decimo anniversario di quest'opera tra deserto e cielo

STEVE ROACH

Back To Life

(2012 - Projekt)
L'ennesimo, ottimo parto del padre dell'ambient moderna

STEVE ROACH

Sigh Of Ages

(2010 - Projekt)
Ripeschiamo uno dei dischi pił interessanti del maestro dell'ambient moderna

STEVE ROACH

Dreamtime Return

(1988 - Fortuna)
Il capolavoro del musicista californiano, trattato indissolubile dell'ambient music moderna

Steve Roach & Kelly David on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.