Steve Roach

The Desert Collection - Volume One

2014 (Timeroom) | ambient

Se c'è un elemento che può dirsi decisivo nei soundscape più terreni di Steve Roach, quello è il deserto. Da quello australiano partì, ormai quasi trent'anni fa, la strada più visionaria e decisiva battuta dal maestro californiano, quella che con “Dreamtime Return” portò l'ambient music a divenire una delle forme musicali più efficace nell'evocare scenari e nel riunire spiritualità ed estetica. Da lì nacque, di fatto, quella che oggi per tutti è la musica d'ambiente, con una rivoluzione copernicana dell'idea di Eno: musica dell'ambiente e non più per ambiente.

Passato un po' in sordina a causa delle uscite simultanee di “The Delicate Forever” e “The Ancestor Circle”, “The Desert Collection” è il primo volume di una saga che si prefigge di ripescare il meglio da quel terreno, arido e secco nella consistenza quanto incredibilmente fertile a livello di spunto creativo. Ad essere raccolti sono brani appartenenti al verbo più classico di Roach, antecedente la deriva ritual-tribale (nonché alle contaminazioni trancedeliche) e parallelo al percorso dedicato all'immersione interiore che lo ha impegnato in maniera crescente negli ultimi anni.

“Ghost Train” e “The Ribbon Rails Of Promise” sono quanto di meglio regalatoci dalla discreta collaborazione con Roger King in “Dust To Dust”: una visione nebbiosa, spettrale e notturna da un lato, degna del miglior Mychael Danna, e la vivacità pre-trancedelica dall'altro, la vita che si rivela nel calore torrido. La meravigliosa “The Eternal Expanse”, suite regalata all'imperdibile compilation “The Ambient Expanse” (un must per comprendere lo stato dell'arte ambientale nel suo periodo d'oro), è un paradigma che riassume in un quarto d'ora il succo della poetica di Roach.

Il cuore della raccolta sta però negli estratti da“Western Spaces” e “Desert Solitaire”, due capolavori frutto dell'unione di forze con i conterranei Kevin Braheny, Richard Burmer e Thom Brennan da un lato, e l'altro fuoriclasse Michael Stearns (assieme a Braheny) dall'altro. Dal primo tornano a brillare tre autentici classici: la litania cristallina di “The Breathing Stone”, il notturno livido di “New Moon At Forbidden Mesa” e la commovente epifania di “The Slow Turning”. Al secondo appartengono l'epica “Flatlands”, altro classico intramontabile, e il mantra catartico di “Specter”.

Una retrospettiva impagabile su un pezzo di storia della musica ambientale e dell'elettronica atmosferica tutta, da parte di un sovrano che dopo quasi quarant'anni di carriera si mantiene saldamente sul trono.

(20/03/2015)

  • Tracklist
  1. Ghost Train
  2. Flatlands
  3. The Breathing Stone
  4. The Eternal Expanse
  5. The Ribbon Rails Of Promise
  6. Specter
  7. New Moon At Forbidden Sea
  8. The Slow Turning
Steve Roach su OndaRock
Recensioni

STEVE ROACH

Spiral Revelation

(2016 - Projekt)
Immortali flussi di bellezza nel nuovo album del maestro dell’Arizona

STEVE ROACH

Invisible

(2015 - Timeroom)
Il viaggio nell'oscurità del maestro californiano

STEVE ROACH

Skeleton Keys

(2015 - Projekt)
Il maestro dell'ambient music ritorna al passato e riparte da un set-up interamente analogico

STEVE ROACH

Etheric Imprints

(2015 - Projekt)
Il corriere dell'ambient music firma il suo disco "isolazionista"

STEVE ROACH & KELLY DAVID

The Long Night

(2014 - Projekt)
Primo autografo di Steve Roach sul 2014, per la prima volta al fianco dell'amico Kelly David

STEVE ROACH

Structures From Silence - 30th Anniversary Edition

(2014 - Projekt)
Nuova edizione "expanded & deluxe" di un caposaldo della "space electronic music"

STEVE ROACH

The Delicate Forever

(2014 - Projekt)
Roach festeggia i trent'anni di "Structures From Silence" riassumendo le trame più quiete del ..

STEVE ROACH

At The Edge Of Everything

(2013 - Timeroom)
Roach ripesca una delle sue rarissime performance europee risalente a inizio millennio

STEVE ROACH

Soul Tones

(2013 - Timeroom)
Il ritorno di Steve Roach alla formula pił classica della sua ambient music

STEVE ROACH

Future Flows

(2013 - Projekt)
Ennesimo lavoro di spessore per l'inesauribile re dell'ambient music

STEVE ROACH

Live Transmission

(2013 - Projekt)
La quarta firma di Steve Roach sul 2013 è la registrazione di un live radiofonico

STEVE ROACH

Spiral Meditations

(2013 - Timeroom)
La nostalgia per la Berlin School nelle spirali del maestro californiano

STEVE ROACH

Day Out Of Time (ristampa)

(2012 - Projekt)
Ristampa per il decimo anniversario di quest'opera tra deserto e cielo

STEVE ROACH

Back To Life

(2012 - Projekt)
L'ennesimo, ottimo parto del padre dell'ambient moderna

STEVE ROACH

Sigh Of Ages

(2010 - Projekt)
Ripeschiamo uno dei dischi pił interessanti del maestro dell'ambient moderna

STEVE ROACH

Dreamtime Return

(1988 - Fortuna)
Il capolavoro del musicista californiano, trattato indissolubile dell'ambient music moderna

Steve Roach on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.