The Baseball Project

3rd

2014 (Yep Roc) | jangle-pop, alt-rock

The Baseball Project è il progetto sbocciato sette anni fa da un’idea di Steve Wynn, già membro di Gutterball, Willard Grant Conspiracy e soprattutto guida dei The Dream Syndicate, band basilare per la scena californiana poi definita Paisley Underground. Al suo fianco Peter Buck, storico chitarrista dei Rem, Scott McCaughey, anche lui nella band di Stype fino al 2011 oltre che leader dei Minus 5 insieme allo stesso Buck e Linda Pitmon, moglie di Wynn, alla batteria.

Questo quarto album del supergruppo statunitense non ha però granché di super; come per i trascorsi episodi, prende ovviamente spunto dal mondo del baseball, il pretesto sul quale si fonda tutta l’idea che sta alla radice, per approfondire allegoricamente tematiche legate alle inquietudini e alle esperienze della provincia americana, legandosi a doppio filo a quel mondo cosi distante dalle nostre ideazioni di vita, almeno tanto quanto lo è, per gran parte delle nazioni occidentali, uno sport come il baseball. “3rd” racconta storie di baseball come quella di Alex Rodriguez, detto A-Rod, giocatore di origini dominicane tra i più forti e pagati di sempre, il quale ha ammesso di aver fatto massiccio uso di sostanze dopanti in uno scandalo che coinvolse altri dodici atleti (“13”) per poi ricevere la più lunga squalifica mai inflitta a un player MLB. Narra di George Herman “Babe” Ruth, per alcuni il Maradona del baseball (“Babe”) e di Dock Ellis, le cui vicende sono troppo “stupefacenti” per non farci pizzicare dalla curiosità. “3rd” descrive un mondo molto lontano dal nostro, e lo fa attraverso uno stile che in talune circostanze ha forte il sapore di stelle e strisce, ma dentro quelle vicende di sport si eclissa il racconto di una realtà più complessa e che finisce per avvolgerci tutti, qualunque sia la nostra esistenza.

“3rd” suona esattamente come suonerebbe un disco dei Rem se questi dovessero decidere di parlarvi di baseball, e lo fa molto più di quanto non facevano le tre opere precedenti, tanto che, l’ingresso di Mike Mills e la fine della band di Athens sancita ormai tre anni or sono, paiono quasi essere un lasciapassare per il cambio della guardia. Stupisce certo l’introduzione psichedelica e futuristica (“Stats”) ma il gruppo non tarda a prendere strade a esso più congeniali, quelle del power-pop (“From Nails To Thumbtacks”, “To The Veterans Committee”, “They Are The Oakland A’s”, “They Played Baseball”, “Take Me Out To The Ballgame”) che a volte quasi pare omaggiare l’attitudine, lo stile e il suono ruvido di un certo Iggy Pop o dei mitici Ramones (“¡Hola America!”) ma anche spettacolari esempi di puro e semplice alternative-rock yankee fino al midollo (“The Day Dock Went Hunting Heads”, “Box Scores”, “They Don’t Know Henry”, “Pascual On The Perimeter”, “Larry Yount”) che muove dai Rem ma attraversa Yo La Tengo, The Go-Betweens e tutta una serie di realtà che dal jangle-pop hanno intrapreso vie sempre nuove.

Non tutto è oro nel paradiso The Baseball Project, però, e gli entusiasmi calano quando i nostri s’infilano nel tunnel delle immancabili ballatone americane, (“Monument Park”, “Extra Inning Of Love”) o quando il suono sfocia nel classico folk-country d’oltreoceano (“The Baseball Card Song”) anche se l’incredibile capacità non solo compositiva ma anche vocale del leader del supergruppo si esalta in uno stile canoro assolutamente apprezzabile, alzando una polvere piena di pathos, che pare danzare negli arrangiamenti potenti e marziali (“A Boy Named Cy”). A tutto questo dovreste aggiungere una timbrica memorabile, melodie sublimi, uno slancio innovativo senza eguali e un certo interesse per la materia trattata per avere un mezzo capolavoro. Dovreste aggiungere queste cose, ma non potrete farlo, e dunque quello che resta è una manciata di buone canzoni, senza troppe pretese, se non quella di essere ascoltate.

(21/04/2014)

  • Tracklist
  1. Stats
  2. From Nails To Thumbtacks
  3. ¡Hola America!
  4. 13
  5. The Day Dock Went Hunting Heads
  6. To The Veteran Committee
  7. Monument Park
  8. Box Scores
  9. They Don’t Know Henry
  10. The Babe
  11. They Are The Oakland A’s
  12. Pascual On The Perimeter
  13. The Baseball Card Song
  14. Extra Inning of Love
  15. Larry Yount
  16. A Boy Named Cy
  17. They Played Baseball
  18. Take Me Out To The Ballgame
The Baseball Project on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.