Virginia Wing

Measures Of Joy

2014 (Fire) | dream-psych-pop

Onde eteree nel cuore di Londra. I Virginia Wing sono un trio (Sam Pillay, Sebastian Truskolaski e Alice Merida Richards) dall’aspetto assai dimesso, che non fa dell’appeal glamourous il suo punto di forza: tipi che, quanto a stile di trasandatezza, non ti aspetteresti certo di incrociare nel bel mezzo della city, ma semmai nelle sterminate lande nordamericane oppure, per restare nel vecchio continente, nella Glasgow dei Mogwai e dei Belle And Sebastian di fine anni Novanta.
Anche il percorso artistico, fino ad oggi, può definirsi del tutto sottotraccia: tutti e tre provengono da altre esperienze, sulle quali spicca per popolarità (si fa per dire) quella di Sam coi Let's Wrestle, una delle tante propaggini indie-pop di prezzemolo Steve Albini in Gran Bretagna. Di sicuro non terribili, ma altrettanto dimenticabili. Insomma, a guardare le immagini e il pedigree, nulla per cui balzare sulla sedia.

E però, dopo un sette pollici (ebbene sì, un 45 giri) e un Ep targati 2013, in cui già si delineavano coordinate piuttosto distanti dalle rispettive fonti, ecco che arriva il colpo a sorpresa del terzetto, con questo debut-album elettronico, dalle atmosfere oniriche ma non astratte, in cui il pop psichedelico è la pietanza di base, ma non il solo ingrediente che guarnisce un piatto assemblato con tutti i crismi della buona cucina. D'accordo, fra le note di “Measures Of Joy” non è difficile ritrovare, al primo ascolto, dei rimandi agli Stereolab e ai primi Broadcast (vuoi per il registro vocale della brava Alice, vuoi per la comune matrice psichedelica), ma se dei primi è del tutto assente la declinazione lounge, dei secondi manca l'essenzialità degli arrangiamenti, che qui invece sono stratificati e compositi.
C'è di più e dell'altro, quindi, e anzi ad accendere l'interesse sono proprio i tanti intrecci che ci conducono verso atmosfere che poco hanno a che vedere con l'involucro, e che appaiono cangianti fra le tessiture di canzoni dagli sviluppi anche coraggiosi, che mai smarriscono il loro filo conduttore, soprattutto quando se ne può avvertire il sentore.

E' tutto un rimescolare di carte, a cominciare dall'iniziale, austera, “The Body Is A Clear Place”, che esordisce con un'indolente e swingata marzialità che dapprima trasfigura in una melodia più ampia, poi si ferma a sussurrare, e infine si fa fagocitare da percussioni mututate dai Can, salvo poi riprendere il tema principale come se niente fosse.
Se “Estuary” sembra una session dei Pink Floyd intenti ad assemblare nel 2014 dei lost tapes di “The Dark Side Of The Moon” con Lætitia Sadier in veste di special guest, le percussioni kraute tornano ad accompagnare il fresco e nostalgico singolo “World Contact”, in gradazioni che in parte interessarono le americane Telepathe di qualche stagione fa: qualcuno ricorda il bello ma inosservato tribalismo pop di “Dance Mother”? In ogni caso, di tratta di una delle tracce da heavy rotation dell'anno, per quanto ci riguarda.

Ma proprio quando le cose sembrano prendere una piega più accondiscendente, ecco che arriva l'intermezzo avant “In The Mirror It's Sunday” a introdurre “A Complex Outline”: sembra non essere cambiato nulla nello stile, eppure è cambiato tutto, con le luci che si spengono, disegnando sul muro la sagoma trasfigurata di Nico, o almeno così sembra, come in ogni penombra che rispetti.
Ed è così che, senza accorgerci, ci ritroviamo in un altro disco, nel quale l'ethereal wave e il dream-pop prendono la scena. L'ipnotica “Meshes” rievoca minacciosa i nostri Chrisma di “Chinese Restaurant”, e “Juniper” si adagia sulle onde sonore dei Cocteau Twins. Ma è anche questa una parentesi perché, pur inframmezzate dallo stralcio “concrète” di “An Arabesque”, “Read The Rules”, “Marnie” e “First And Fourth” planano di nuovo leggiadre sullo psych-pop che ci aveva accolto, lasciando ai lisergici mormorii ambient di “Gold Thread” il compito di condurci in fondo.

Se cercate dischi che si fanno scoprire poco a poco, regalando a ogni ascolto nuove e inaspettate delizie, lasciate da parte fretta e pigrizia, e mettevi nelle orecchie “Measures Of Joy”: il cuore e la testa vi ringrazieranno.

(01/10/2014)



  • Tracklist
  1. The Body Is A Clear Place
  2. Estuary
  3. World Contact
  4. In The Mirror It's Sunday
  5. A Complex Outline
  6. Meshes
  7. Juniper
  8. Read The Rules
  9. An Arabesque
  10. Marnie
  11. First And Fourth
  12. Gold Thread
Virginia Wing su OndaRock
Recensioni

VIRGINIA WING

Rhonda

(2016 - Fire)
Ep interlocutorio per il trio di Londra, alle prese con un sound più sperimentale

VIRGINIA WING

Forward Constant Motion

(2016 - Fire)
Ridotti a duo, i londinesi proseguono sulla strada della sperimentazione

News
Virginia Wing on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.