Aloa Input

Mars etc.

2015 (Morr Music) | psych-pop, post-kraut

Da quando gli Animal Collective hanno cavalcato l'onda di pubblico e addetti ai lavori trasfigurando tra folk, elettronica e tribali un pop psichedelico che non poteva essere più classico, il “morbo” si è diffuso a macchia d'olio. I bavaresi Aloa Input devono aver ben notato anche il ritorno sulla breccia di certe atmosfere dal retrogusto kraut (un nome su tutti? I TOY) e, rendendosi conto di avere quei suoni in casa e nel sangue, ne hanno fatto l'elemento caratteristico del lovo verbo psych-pop. Un debutto discreto ma non troppo convincente due anni fa e rieccoli ora puntare più in alto che mai, grazie anche a uno sponsor discografico sempre decisivo come Morr Music.

Al primo impatto, “Mars etc.” - questo il titolo, che assieme alla copertina ironizza nei confronti degli stereotipi che accomunano kraut-rock e psichedelia in maniera dozzinale – rischia di esser preso per l'ennesimo prodotto di uno dei tanti cloni dei Flaming Lips. E sebbene il legame vi sia e non poco, lo stacco tra gli Aloa Input e la concorrenza si può percepirlo solo dopo parecchi ascolti. Ovvero quando il massiccio tessuto sonoro, composto in gran parte da deviazioni allucinate del modernariato kraut, diviene separabile dal vero punto di forza dei tre di Monaco: le canzoni. Qualcosa che, nonostante vesti sfavillanti e coloratissime, manca spesso a molti in questo mondo.

Non siamo di fronte a una prova perfetta ed esente da lungaggini, essendo questo obiettivo ben arduo da perseguire nell'odierno macrocosmo psichedelico. Tanto che già la partenza di “Far Away Sun” è tutto meno che un biglietto da visita invitante: cori deviati che più Panda Bear non si può, ritmo ammiccante da trip paradisiaco e una melodia che arranca alle spalle dei luoghi comuni. Una scena che si ripete, seppur con connotati diversi, anche nella tagliente “Mad As Hell” e nella spenta ballata “Ruth The Communist”, non proprio il modo migliore di concludere un disco per il resto tutto da scoprire.

Va da sé che il meglio vada cercato nel cuore pulsante dell'album, quello anticipato dal divertente acid-blues di “Perry” e infarcito di richiami a Can e Faust, dal cataclisma elettronico di “Oh Brother” alla corsa all'impazzata di “Blabla Theory” (dove però “Here Comes The Indian” è sfiorato con mano). Ma di canzoni parlavamo, e proprio negli episodi più squisitamente pop è racchiuso il meglio del lavoro: dalla malatissima e barettiana “The Door” alla doppietta bucolica “21st Century Tale” - “Krk Blues”, passaggi dalle parti di Mark Fry. Per arrivare infine a quella “Vampire Song” che rappresenta un vertice a sé, grazie a un arpeggio di synth irresistibile e a una melodia semplice quanto efficacissima.

Di ottimi arrangiamenti con evidenti richiami al passato oggi se ne sentono a bizzeffe, ma la differenza la fa ancora chi sa scrivere canzoni (e si tratta di merce decisamente più rara). Ed è proprio per questo che una conversione più convinta verso un pop macchiato, “sporcato” di allucinogeni potrebbe essere la chiave per il futuro, potenzialmente radiante, di questo giovane trio, il cui sound risulta comunque ancora “under construction”, per quanto già in grado di svettare in un mondo sempre più sovrappopolato.

(12/03/2015)

  • Tracklist
  1. Far Away Sun
  2. Perry
  3. Vampire Song
  4. Oh Brother
  5. The Door
  6. 21st Century Tale
  7. Hold On
  8. Blabla Theory
  9. Krk Blues
  10. Mad As Hell
  11. Ruth The Communist
Aloa Input on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.