Baby Dee

I Am A Stick

2015 (Tin Angel) | songwriter, chamber-pop

Pianista, arpista, fisarmonicista, performer a volte eccentrico e surreale, Baby Dee rappresenta insieme ad Antony Hegarty quel mondo di musicisti legati al cabaret, alle torch song del canzoniere americano, che narra della vita di strada in locali fumosi e ambigui, dove il minimalismo sonoro si sposa in forme artistiche, dialoganti col brusio ricco di drammi e intimità dei nottambuli solitari.
La connotazione più freak e quasi burlesca del musicista ha però reso ostico il suo notevole percorso artistico anche ai fan dell’amico-musicista più famoso, una scelta che viene consolidata anche nel nuovo “I Am A Stick”.

E’ il lavoro più lucido e pregnante dai tempi dell’ottimo “Safe Inside The Day”, con Baby Dee accompagnato da un Colin Stetson in perfetta forma, un variegato combo sonoro che si apre con la malinconica e indolente title track: una ballata dai profumi  teatrali e drammatici con accordi spezzettati di piano e un criptico rullar di percussioni (Alex Neilson dei Trembling Bells).
Poco ruffiana o confortevole, la musica di “I Am A Stick” rifugge dalla valutazione temporale di molta produzione discografica contemporanea, un album da conservare gelosamente per quei momenti di raro intimismo che ancora appassionano l’ascoltatore più attento e sensibile.
La voce ricca di flessuose movenze tra il diabolico e l’angelico corrompe l’animo delle canzoni, sempre turbate da dissonnanze ritmiche e liriche (“Sky Of Loving Arms”) nonché dalle citazioni di brani famosi come “Ol’ Man River” (1936) di Paul Robeson nella superba “Up Tree River Down/ Wilhelmus”.
Resta amabilmente un outsider, Baby Dee, con corrosive e dispettose ballad da cabaret (“Whose Rough Hands”) che farebbero gola al miglior Marc Almond, un brano dove Colin Stetson s’insinua col suo sax, pronto a disgregare ancor di più l’apparente fluire lirico.

Non è difficile credere al musicista, quando afferma che il suo luogo preferito è il letto, “But In My Dream” e “Big Love” hanno quella gradevole e indolente svogliatezza che accompagna il riposo, tra coperte di seta stropicciate in attesa di amanti invisibili e immaginari.
Cantastorie della solitudine e della tragicommedia, Baby Dee regala esuberanti affreschi teatral-cabarettistici (“Tokyo” e “Bendy Bus”), scherzosi interludi (“Okadoka”) e commoventi pagine pianistiche (“Hymn”) che cesellano in modo perfetto quel delizioso nonsense che ha sempre caratterizzato la sua produzione, e che in “I Am A Stick” suona perfino più disturbante e travolgente che mai.

(19/07/2015)



  • Tracklist
  1. I Am A Stick 
  2. Sky Of Loving Arms 
  3. Up Tree River Down / Wilhelmus 
  4. Big Love
  5. Whose Rough Hands
  6. But In My Dream
  7. Tokyo 
  8. Bendy Bus
  9. Okadoka
  10. Hymn
  11. Road Of Eyes That See


Baby Dee su OndaRock
Recensioni

BABY DEE

A Book Of Songs For Anne Marie

(2010 - Tin Angel)
L'artista di Cleveland in un disco di atmosfere antiche, immerso in fiumi di arpa, archi e pianoforte ..

BABY DEE

Safe Inside The Day

(2008 - Drag City)
Un talento multiforme sulle tracce di Antony

Baby Dee on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.