Bjork

Vulnicura

2015 (One Little Indian) | songwriter, electro, chamber-rock

Per “Vulnicura”, il nono album lungo (il più lungo: un’ora spaccata), Bjork mette da parte le autocostruzioni ipertecnologiche di “Biophilia” e riprende appieno il modus operandi di circondarsi di produttori di grido, vale a dire Alejandro “Arca” Ghersi, qui vero e proprio assistente in buona parte dei pezzi, e Bobby “Haxan Cloak” Krlic all’ingegneristica.
E’, sulla carta, il suo parto più ambizioso e monumentale, ma una definizione più calibrata è quella di una grande, tronfia appendice della sua carriera, e forse anche di una lussuosa raccolta di riempitivi.

Anche la promozione è mastodontica. Il problema è che lo strombazzato hype, costruito appunto sui produttori elettronici, è quasi pubblicità ingannevole: il disco è caricato di archi e la dimensione puramente elettronica è sovente piuttosto trattenuta (e talvolta anche triviale).
Tra tutta la pompa contenuta nell’album, solo “Stonemilker” e “Lionsong” ricordano che Bjork è prima di tutto una scrittrice di melodie che trova la sua origine con i Sugarcubes, e non solo la presunta e presuntuosa artista autoincoronatasi “totale”, rifinita e sofisticata progetto dopo progetto. In generale “Vulnicura” tralascia la spettrale lounge del predecessore e riporta ai suoi periodi di grandeur, dallo struggimento di “Homogenic” al musical di “Selmasongs”, fino allo pseudo-massimalismo di “Volta” (un nuovo duetto con Antony lo testimonia).

“Stonemilker” è una romanza da camera con battiti sfumati (e un sovratono di hi-hat industriale preso - inconsciamente? - da “I Got A Gun” di Jarboe), e soprattutto il brano che, dopo anni di sperimentazioni vocali ed elettroniche, riesce a tornare genuinamente alla forma-canzone. La coda di soli archi suona come una rifinitura barocca e vi aggiunge una certa solennità. Già la successiva “Lionsong” inizia a suonare superflua, replicando “Stonemilker” con una componente musical più accentuata, ma pure incaricandosi di mostrare un’altra componente dell’opera: la selva di gorgheggi e archi ondeggianti e battiti elettronici in cui si sperde la linea canora.

I dieci minuti di “Black Lake” potrebbero suonare come un album nell’album (dove questi due album però sono identici), in realtà allungano la minestra di “Stonemilker” e “Lionsong”, pure esponendo attimi di rarefatta pittura sonora che non ci si aspetta da un album di Bjork. E’ però una pièce che suona come una lunga pausa e che difetta di una giusta dose di dramma (in primis proprio dalla cantante stessa).
Fa meglio “Family” (8 minuti), o almeno la sua prima parte, forse l’unico momento di reale espressionismo da camera dell’album, inscenato da archi dronanti nel buio e tremebondi, funebri battiti techno oltremodo rarefatti e irregolari. Nella seconda parte si liofilizza in un adagio etereo senza particolare connotazione, che - nonostante tutte le tecniche strumentali e sonore impiegate - fa semplicemente da sfumatura finale. La curiosa taranta medievale di “Notget”, dapprima dipinta dai distorsori elettronici e poi mimata dagli archi, per quanto confusa, ruba di netto la scena al canto non certo pimpante della performer. Anche in questo caso i momenti di genuina non-musica dissonante sono pochi (e arrivano quando gli archi tacciono).

Il balletto per pizzicati di “Atom Dance”, 8 minuti spartiti tra la cantante e un Antony a tratti alieno, è una vanesia galleria di figure d’archi, vocalizzi e decorazioni elettroniche, un tipico esempio d’ipersaturazione che dimentica di veicolare reali significati. Lo stesso vale per la neoclassica “Mouth Mantra”, a tratti smarrita e cupa quanto un’aria d’opera elisabettiana, un casuale gioco delle variazioni che potrebbe continuare all’infinito rimanendo sempre al blocco di partenza.
La breve “Quicksand”, con i suoi soli tre minuti, ha più vitalità delle altre messe assieme, almeno nell’iperdinamismo jungle - merito più di John “Spaces” Flynn che di Arca - e nel contrappunto ansiogeno dei violini. L’unico episodio solamente elettronico, l’altrettanto breve “History Of Touches” tutto toni celestiali, è il più essenziale e affocato requiem per la fine della sua relazione con Matthew Barney.

Più di tutto, comunque, è un album segnato dalla mancanza di equilibrio, quell’equilibrio che aveva forse a inizio carriera e che è andato digradando di album in album: “Biophilia” suonava poco musicale per difetto, “Vulnicura” suona poco musicale per eccesso. Doveva essere un’opera di confronto con sé stessa, e in effetti ci sono momenti in cui finalmente evoca l’immagine di donna matura che smette di giocare all’elfo e affronta i suoi spettri reali. E’ però sempre l’ennesima autocelebrazione, una delle sue più impressionanti per respiro e impianto, confezione e regia. Uscita digitale due mesi prima del previsto a causa di un leak molesto. Seguito da "Vulnicura Strings" (2015), la sua versione acustica. Edito in Italia da Carosello Records.

(27/01/2015)

  • Tracklist
  1. Stonemilker
  2. Lionsong
  3. History Of Touches
  4. Black Lake
  5. Family
  6. Notget
  7. Atom Dance
  8. Mouth Mantra
  9. Quicksand 
Bjork su OndaRock
Recensioni

BJORK

Utopia

(2017 - One Little Indian)
Leccate le ferite del passato, la poliedrica artista islandese si ripresenta carica di ottimismo con ..

BJORK

Biophilia

(2011 - One Little Indian)
L'album-progetto dell'islandese volante, tra fascinazione "cosmica", strumenti autocostruiti e tecnologia ..

BJORK

Volta

(2007 - One Little Indian)
Sorpresa: nel nuovo disco dell'islandese... non ci sono sorprese

BJORK

Drawing Restraint 9

(2005 - Polydor)
La colonna sonora della nuova opera più o meno filmica di Matthew Barney

BJORK

Medulla

(2004 - Elektra)
L'album più incentrato sulla voce della cantautrice islandese

BJORK

Greatest Hits

(2002 - One Little Indian)
La sublime arte di Bjork condensata in 15 grandi successi

BJORK

Vespertine

(2001 - One Little Indian)
L'artista islandese in uno dei suoi lavori più appartati e riflessivi

BJORK

Homogenic

(1997 - One Little Indian)
La diva islandese alla sua prova piu' matura ed emotiva

Speciali

Bjork on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.