Black Dog

Neither/Neither

2015 (Dust Science) | techno

Vent'anni e non sentirli. Basterebbe quest'espressione comunemente abusata per dire tutto sul conto dei Black Dog. Un marchio storico, oggi sicuramente meno blasonato di quando sottintendeva il magic trio Downie-Handley-Turner – merito anche della bravura degli ultimi due, fra le tante cose, nel tenersi amica casa Warp – ma che dall'arrivo dei fratelli Dust al fianco dell'inossidabile Ken ha ritrovato una linfa vitale che molte giovani leve si sognano. Il tutto andando con coraggio a ributtarsi nel mare magnum techno, mantenendo quell'approccio descrittivo e pittoresco tradotto ancor oggi in un gergo personalissimo, ma senza l'esigenza di rimanere per forza fedeli a una linea che oggi in tanti tentano di ricalcare, vent'anni dopo.

Dall'ultimo bollettino di due anni fa, quel “Tranklements” che aveva visto Downie e i fratelli tornare in cattedra sfoderando un arsenale techno di autentica eccellenza, i tre hanno trovato il tempo di sparpagliare singoli (fra cui uno split con Happa), farsi remixare da Regis, ridare linfa al nome della natia Sheffild via tre Ep e due autentiche “mostre sonore” e completare infine questo “Neither/Neither”. Il colore principale della copertina pare scelto apposta per delineare il distacco dalla techno liquida e cesellata di dub del predecessore, a cui è preferito un arsenale variopinto di groove, melodie e architetture sonore a temperatura costante ed elevatissima. Non un vero e proprio back-to-dancefloor, come fu “Radio Scarecrow”, ma una sintesi tra l'anima più geometrica e intelligent e quella più spiccatamente club-oriented dei tre.

Così, i quindici brani inscenano una sorta di ottovolante a fasi, che nasce dalla distesa di flussi e armonie in stile Boards Of Canada dell'opener “Non Linear Information Life” per sfociare a sorpresa nelle field recordings urbane di “Phil 3 To 5 To 3”, primo di una serie di interludi chiamati a spezzare il ritmo. L'oscuro mantra al ralenti della title track incrementa la marcia mantenendosi sull'ipnosi andante e dando i primi sfoggi di una classe mai venuta meno, ancor più in spolvero nel ritorno alle geometrie dub-ambient di “Them (Everyone Is A Liar But)” e nell'omaggio velato all'amico Aphex Twin e alla sua “Xtal” di “Control Needs Time”. Il percorso sonoro, impostato per carburare in maniera sfumata ma costante, regala alla prima parte del disco gli episodi più quieti e atmosferici, donando invece alla seconda i prodotti più muscolari e uptempo.

Il tutto già a partire da “Shut Eye”, marcetta velenosa intrisa di rumore che impartisce l'ennesima lezione a Perc, per proseguire con la cibernetica (e forse un po' azzardata) “Self Organising Sealed Systems”, vagamente dalle parti dei primi Daft Punk. Il ritmo non cala nemmeno nella più elegante “Commodification”, che strizza più di un occhio alla saga del back-to-Sheffield dell'anno scorso, né tantomeno nel fermento di “Platform Lvl 6”, che muove dalle parti della Ellen Allien pre-sbornia mainstream. “Hollow Stories, Hollow Head” è un'autentica bomba a mano che sfonda le barriere e sconfina in territorio pop, grazie a una melodia elettronica semplicemente irresistibile, mentre la magistrale conclusione di “MK Ultrabritte” è la ciliegina sulla torta, una cascata di loop stellari in puro stile Orbital che chiude le danze riaffermando lo status di maestri dei tre britannici.

La techno dei Black Dog non è mai però ebbra, figlia di un'ubriacatura o votata al mero intrattenimento: resta piuttosto fra i rari esempi di una musica spiccatamente vicina al dancefloor ma pensata per l'ascolto puro, per una fruizione diretta e consapevole. Lo dimostrano anche le poche ma importanti gemme squisitamente ambientali sparse fra un groove e l'altro, dalla dolcissima e toccante “The Frequency Ov The Truthers”, subito seguita dai droni incrociati di “B.O.O.K.S.” prima del finale pirotecnico, all'ultimo capitolo degli interludi urbani firmati David. Quello che i tre lanciano con “Neither/Neither” è l'ennesimo messaggio forte e chiaro, con cui dichiarano (e dimostrano) di trovarsi ancora a occupare un posto sul trono della techno in senso ampio. Non esattamente una cosa da tutti, nemmeno fra i Magnifici di Sheffield.

(21/09/2015)

  • Tracklist
  1. Non Linear Information Life
  2. Phil 3 To 5 To 3
  3. Neither/Neither
  4. Phil 0114
  5. Control Needs Time
  6. Them (Everyone Is A Liar But)
  7. Shut Eye
  8. The Frequency Ov Thee Truthers
  9. B.O.O.K.S
  10. Self Organising Sealed Systems
  11. Commodification
  12. Phil vs David
  13. Platform Lvl 6
  14. Hollow Stories, Hollow Head
  15. MK Ultrabrite
Plaid su OndaRock
Recensioni

PLAID

Reachy Prints

(2014 - Warp)
Handley e Turner tornano con un paradigma del loro approccio all'elettronica

BLACK DOG

Tranklements

(2013 - Dust Science Recordings)
L'ennesimo oggetto di culto per il duo di Sheffield, fra techno e nostalgia Idm

PLAID

Scintilli

(2011 - Warp/ Self)
Le nuove "scintille" del duo inglese, tra arrangiamenti melodici e dancefloor

BLACK DOG

Book Of Dogma

(2007 - Soma)
Una nuova doppia raccolta per un duo-chiave della (post)hardcore techno

PLAID & BOB JAROC

Greedy Baby

(2006 - Warp)
Progetto multimediale per i Plaid. Con loro un collaboratore di vecchia data, il regista Bob Jaroc

PLAID

Spokes

(2003 - Warp)

Black Dog on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.