Black Tail

Springtime

2015 (MiaCameretta Records) | alt-rock, songwriter

C’erano una volta i Desert Motel, un affare partito in provincia che nel 2011 acquisì visibilità crescente grazie a “Yarn”, la chiusura del cerchio di un’esperienza terminata troppo presto, proprio quando i tempi sembravano maturi per il salto decisivo.
Cristiano Pizzuti, voce, chitarra e principale autore, non ha mai smesso di scrivere nuovo materiale, di tanto in tanto per lavoro si trova negli Stati Uniti, ama passeggiare per i boschi intorno a Boston, rifugge il caos, ma adora intrufolarsi in tutti i gig serali che si srotolano nell’underground, poi, a notte fonda, rientra a casa e si mette a comporre.

Era tentato di intraprendere un percorso cantautorale, in quasi totale solitudine, e da quell’idea scaturì la preziosa “To E.S.”, elaborata e suonata per ricordare Elliott Smith nel decimo anniversario della sua scomparsa, la scossa giusta per mettersi in  moto e organizzare qualche esibizione in coppia con il fido Simone Sciamanna, già chitarra nell’avventura Desert Motel.
Poi è tornata la voglia di agire all’interno di una vera band, e dall’incontro con la sezione ritmica composta da Luca Cardone (basso) e Roberto Bonfanti (batteria) Black Tail ha assunto le sembianze attuali.

“Springtime”, la title track, è un incantesimo dal quale, in pochi attimi, come per magia, si materializza la migliore sintesi mai realizzata (almeno dalle nostre parti) di Sparklehorse e Wilco, un brano che parte dolcissimo e, all’improvviso, si inarca come se ci fossero Glenn Kotche e Nels Cline a supportare tutto il malessere di Mark Linkous.
Ci sono momenti molto delicati in questo disco (“Small Talks” e “Tree Tops", entrambe con una bella coda strumentale), inizialmente pensati per voce e chitarra (ma “November” resta l'unica interamente acustica) e poi arrangiati full band. Altri risultano più elettricamente diretti (“Love Is A Bore”) con qualche perla di bellezza ben sopra la media (“The Day Before TV”) e persino una piccola deriva simil-psych: in “How To Be Lost At Sea” le chitarre si fanno più aggressive e la voce muta registro.

Concretizzato in soli tre giorni, evitando qualsiasi sovraproduzione, concentrandosi su un suono naturale e spontaneo, che attinge tanto dall’esperienza di Jeff Tweedy quanto da quella dei maggiori cantautori contemporanei, “Springtime” rappresenta un sogno che sboccia, proprio come il fiore rosso immortalato in copertina.
La transizione e il cambiamento sono le principali tematiche affrontate nelle nove tracce, figlie di un songwriting attento, riflessivo e maturo; musicalmente ci si pone invece fra Americana e lo-fi, con sentieri acustici che volentieri si trasmutano in rivoli elettrici, e una studiata alternanza di calma e rabbia che conferisce grande dinamica all’insieme.

Se la scena indipendente italiana è data da molti in fase di stanca, continuano a fiorire fulgidi esempi di produzioni per le quali il mercato nazionale sembra essere davvero troppo piccolo.
Black Tail è una creatura che per capacità compositiva e perizia tecnica merita di crescere e trovare una dimensione che vada ben oltre: sono davvero pochi oggi in Italia a saper calare nella contemporaneità influenze tutt’altro che scontate. Perché saper suonare (e saper scrivere) come Wilco, Elliott Smith o Mark Linkous è roba per pochissimi eletti, baciati da un talento espressivo non comune.

(04/11/2015)

  • Tracklist
  1. Springtime
  2. Loose Ends
  3. Small Talks
  4. Love Is A Bore
  5. The Day Before TV
  6. November
  7. How To Be Lost At Sea
  8. Tree Tops
  9. Oak


Black Tail su OndaRock
Recensioni

BLACK TAIL

One Day We Drove Out Of Town

(2017 - MiaCameretta/Lady Sometimes)
Fra "Americana" e slanci alt-rock, il brillante secondo capitolo della formazione laziale

News
Black Tail on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.