Driftmachine

Eis Heauton

2015 (Umor Rex) | post-kraut, dark-ambient

Dopo il già interessante ma ancora presumibilmente acerbo “Nocturnes” dell'anno scorso, i Driftmachine – creatura dei due veterani berlinesi Andreas Gerth (Tied & Tickled Trio) e Florian Zimmer (Fred Is Dead e, soprattutto, Saroos) – tornano alla carica preferendo all'esaustività del formato-album l'intensità concentrata e specifica dell'audiocassetta. Un formato che continua, nonostante i noti e insuperabili limiti fisici e qualitativi, ad affascinare parecchi.

E in effetti, c'è da ammettere che il packaging di questa “Eis Heauton” sia quanto di più accattivante ci possa essere: confezione in una sorta di digipack in miniatura, tinta nero pece, titolo e artista in verde brillante. Ma la vera notizia, quella che merita attenzione, è che a svettare su grafiche e presentazione è la musica: siamo di fronte, almeno in apparenza, a quel passo avanti che era lecito e doveroso aspettarsi dal marchio Driftmachine.

Prese le distanze, almeno in parte, dall'espressionismo multiforme del primo lavoro, i due sembrano voler procedere qui nella direzione di una ricerca sulla chimica del loro sound, soffermandosi sugli elementi di più chiara origine kraut-kosmische. Impressionismo scientifico è la parola chiave, e dunque l'idea di colpire nel profondo riducendo l'attenzione al dettaglio e le dietrologie e concentrandosi esclusivamente sul suono e sulla sua dimensione d'insieme.

Due sono le disamine precise e studiate: “Das Trunkene Schiff”, serie di variazioni possibili su un tema del Roedelius più erudito, e la title track, dove il sound elaborato dai due è portato per sottrazione alle estreme conseguenze. Ma per contro, a convincere a fondo sono il mantra iniziale di “Rungler Statik”, revisione in chiave isolazionista dei “Notturni” che furono, e l'acquerello atonale dalle mille sfumature di “Sunlit Reverie”. Uno step necessario verso la creazione di un ipotetico verbo post-kraut firmato Driftmachine.

(01/02/2015)

  • Tracklist
  1. Rungler Statik
  2. Das Trunkene Schiff
  3. Sunlit Reverie
  4. Eis Heauton
Driftmachine su OndaRock
Recensioni

DRIFTMACHINE

Nocturnes

(2014 - Umor-Rex)
Ai blocchi di partenza il nuovo progetto di due veterani della scena sperimentale berlinese

Driftmachine on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.