Internos

Defrag/Rap

2015 (Av-k/ Cogwheel/ Kaspar House/ Viande) | post-hip-hop

Da titolo di un album quale era nel primo parto congiunto tra Av-k (allora Kletus Kaseday) e A.Rota.B, Internos è diventato un progetto tout court. Stiamo parlando della creatura condivisa dal talentuoso producer campano Anacleto Vitolo (imperdibile il suo “Fracture” di quest'anno) e dall'Mc A.Rota.B, il cui vero nome si cela dietro una sigla teutonica. Ovvero dell'esperienza (post)-hip-hop più stupefacente e indecifrabile del nostro tempo.

Laddove gli Uochi Toki hanno cercato di evadere dagli schemi convenzionali del genere proponendo un provocatorio e sconcertante incontro col glitch, quellodi Internos è un ripudio espressionista e colmo di furia degli stilemi e dei luoghi comuni che hanno reso l'Italia e l'hip-hop due mondi impenetrabili senza scadere nel becero e nell'insopportabile.

Se nel precedente lavoro permaneva un concept distopico attorno a cui l'impianto narrativo era costruito, in “Defrag/Rap” tutto ciò che è razionale viene invece letteralmente fatto a brandelli. Gli otto brani corrispondono ad altrettante invettive in grado di accavallare sensazioni pure ed istintive: rabbia, frustrazione, dolore, evasione. Non c'è una linea guida né ci sono binari, persino il layout del disco non ne riporta, lasciando a un bianco (realmente) nullificante l'introduzione visiva al lavoro.

Il percorso è uno attraverso testi che giocano con la fonetica e le parole alla maniera dei futuristi, flussi di coscienza trasmutati “automaticamente” in poesia seguendo la lezione di Breton, metafore allucinate nelle quali politica, astronomia, informatica, retorica e chimica divengono un tutt'uno sovra-razionale, stralci di pensieri strappati al loro contesto e ricombinati in seno agli esperimenti di Burroughs. Nessun nesso logico, nessun disegno, nessun progetto.

I singoli brani risultano così ardui se non impossibili da analizzare, il contrappunto sonoro li segue a ruota ricamando tutt'attorno uno scenario di autentico rumore: hardcore, techno, ambient, concrétismi, field recordings convivono in una miscela ruvida e impervia. Musica e parole sembrano nascere dal medesimo mondo malato, figlie di un espressionismo tirato al limite del comprensibile e del fruibile, ma proprio per questo così potenzialmente vicino a quella Verità che sfugge alla ragione.

(18/09/2015)

  • Tracklist
  1. Presso/Delete
  2. Avarie Mentali
  3. Servi dei Sentimenti
  4. Incastri ed Astri
  5. La Metamorforsi
  6. La Spirale (feat. Mario [Aspec(t)/ASpirale])
  7. La Chimica
  8. L'amor(t)e
Av-k su OndaRock
Recensioni

AV-K

Fracture

(2015 - Manyfeetunder)
Ennesimo centro pieno per il talentuoso producer napoletano

AV-K

Perspective / Prospective

(2015 - Manyfeetunder / Av-k / Laverna)
Il talentuoso producer campano celebra i 10 anni della net label Laverna

ALGEBRA DEL BISOGNO

Algebra del bisogno

(2014 - Av-k)
Un nuovo vertice creativo per il campano Anacleto Vitolo, stavolta in una performance-omaggio a Burroughs ..

K.LONE

Enchantment

(2012 - Marte)
L'ambient glitch di Anacleto Vitolo

A. ROTA. B & KLETUS KASEDAY

Internos

(2012 - AV-K)
Il cyber-hip-hop di Anacleto Vitolo



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.