Jim O'Rourke

Simple Songs

2015 (Drag City) | folk-rock, songwriter

La copertina di questo “Simple Songs” dice tutto di Jim O’Rourke (in senso professionale): personaggio dietro le quinte in molti successi in campo folk-rock e non solo (in particolare ai migliori lavori degli Wilco), membro dei Sonic Youth per sei anni, il musicista americano giunge ora a una nuova pubblicazione solista, a quattordici anni dall’ultimo lavoro “vocale”.
Come per altri che si sono proposti in questi anni, che hanno fatto il salto da produttori ad autori veri e propri (emblematico il caso di un altro capitano dell’analogico, Jonathan Wilson), il punto fondamentale è quanto il mestiere – anche se di livello eccelso – possa tradursi in arte.

La cosa non è per niente scontata – anche se per molti pare esserlo, a vedere il successo critico di “Simple Songs” – e infatti il disco soffre un po’ della sua raffinatissima e cangiante calligrafia, che suona in generale come degli Wilco improvvisamente capitanati da Beck (“All Your Love”), con ovvi richiami agli anni 70 di Cat Stevens (“Friends With Benefits”, “These Hands”) e Van Dyke Parks (“End Of The Road”).
Va detto, pur nell’estremo conservatorismo del disco, la scrittura non si accontenta mai di ripetere il canone revivalista, ma rimane un punto di forza di “Simple Songs” pur richiamando ovviamente stilemi non propri. Allo stesso tempo, la progressione e la dinamica strumentale ha generalmente la meglio su una linea melodica riconoscibile, senza mai trovare un giusto equilibrio.

“Simple Songs” rimane comunque un buonissimo lavoro, probabilmente superiore a tutti gli esordi in campo singer/songwriter usciti quest’anno e tanto strombazzati. Il grado elevato di tradizionalismo sonoro e stilistico è controbilanciato sapientemente da un dinamismo vagamente prog che acquista spesso, però, sfumature ben più moderne rispetto al semplice revival di altri (“That Weekend”, con un crescendo strumentale in pieno stile Wilco). Si diceva dell’arte: questa rimane effettivamente il vero punto debole del disco.

(13/06/2015)



  • Tracklist
  1. Friends With Benefits
  2. That Weekend
  3. Half Life Crisis
  4. Hotel Blue
  5. These Hands
  6. Last Year
  7. End of the Road
  8. All Your Love
Kassel Jaeger & Jim O'Rourke su OndaRock
Recensioni

KASSEL JAEGER & JIM O'ROURKE

Wakes On Cerulean

(2017 - Editions Mego)
I due maestri dell'elettronica contemporanea collaborano in un nuovo progetto elettroacustico

JIM O' ROURKE

The Visitor

(2009 - Drag City)
Il ritorno del compositore e produttore americano dopo quasi 8 anni di iato

Jim O'Rourke on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.