Lewis & Clarke

Bare Bones And Branches (ristampa)

2015 (Summersteps) | chamber-folk, americana

Sembra strano, ma dal 2005 sono già passati dieci anni: in questo periodo, Lou Rogai ha composto tre dischi, in un’impresa musicale che ha portato, solo l’anno scorso, alla pubblicazione di un’opera grandiosa e senza confini come “Triumvirate”. Una costruzione mirabile, dall’architettura quasi incomprensibile, tanta è la proporzione della sua epica, fatta del lirismo baritonale Eitzel-iano di Lou e di immensi paesaggi naturali, tratteggiati in drammatiche pennellate di violoncello e pianoforte.
Grazie alla Summersteps, che ripubblica questo “Bare Bones And Branches” in formato cassetta (sigh), è ora possibile riscoprire e osservare la prima pietra di quest’opera mirabile ma anche un po’ ineffabile, come una muta piramide.

E si scopre così una voce più acerba, canzoni più rustiche, personaggi e immaginario riconoscibilmente legati al mondo dell’Americana contemporaneo (“Bloody Coat” potrebbe venire dagli Uncle Tupelo, o il lento “Doc Holliday Was A Phony” dai Cowboy Junkies, mentre la splendida “Bathtime Blues” si sposta in territori noir-blues alla Red Red Meat), ma un songwriting assolutamente non domato, anzi forse il più immediato e melodico della carriera di Rogai. Impossibile non citare in questo senso l’indole romantica, tra Hansard e Damien Rice, della title track, con una memorabile coda a più voci.
La lunghezza dei brani testimonia, però, già l’ampiezza della visione di Lou nel costruire arrangiamenti e canzoni come paesaggi sonori, con rara misura, come dimostrano la trascendente, elegiaca semplicità di “Dead And Gone”, l’incalzante coda kraut di “Sirens”, la solenne pacatezza di “Sometimes We Forget To Ask”, la più epica del disco.

Insomma, una prima dimostrazione di un percorso artistico di quelli nascosti ma che sicuramente si scopriranno come essenziali per l’Americana che conta, quello che cambia continuando a rimanere uguale a sé stesso. Molto buone anche le bonus track accluse a questa edizione.

(25/11/2015)



  • Tracklist
  1. Bare Bones And Branches 
  2. Doc Holliday Was A Phony
  3. Bathtime Blues
  4. Underwater, Man
  5. Bloody Coat 
  6. Sometimes We Forget To Ask
  7. Dead And Gone
  8. No Name Disaster
  9. Sirens

Bonus tracks
  1. Western Movie Town
  2. Six Fifteen
  3. Waiting On A Friend
  4. Somerville
Lewis & Clarke su OndaRock
Recensioni

LEWIS & CLARKE

Triumvirate

(2014 - Self-released)
Capolavoro poliedrico e intenso per il cantautore e multistrumentista americano

News
Lewis & Clarke on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.