Lorna

London's Leaving Me

2015 (Words On Music) | alt-pop, dream-pop

Lo scorso “Heart Of Wire” (2013), e soprattutto l’amena reinterpretazione di “Whose Idea”, hanno in qualche modo riavviato la carriera dei Lorna. Questa sorta di nuova vita ha così dato il La anche alla carriera solista del co-fondatore Mark Rolfe, che con i due volumi di “Sleeping On Trains” (2013), “1440” (2014) e i 12 minuti di “Midflight” (2014), gioca a immaginarsi un Brian Eno della “Discreet Music” appena più kitsch per l’era dei Fuck Buttons.

Il seguito, il più peperino “London’s Leaving Me”, deve i suoi connotati a un tempo nuovi e antichi, a cinque canzoni, che fanno cambiare marcia al sestetto nel respiro e nell’orchestrazione: “Like Alastair Sim”, “Wayne Mills”, “Smothered In Hugs” (cover dei Guided By Voices), “London’s Leaving Me” e “Bigger Than Sound”.

“Like Alastair Sim” è un’acuta cantata a carillon che si amplia in una delle loro sarabande più cameristiche e corali, quasi gospel. “Wayne Mills” si dà al retro-pop dei Camera Obscura, pienamente nella moda del vintage, ma che in mano a loro acquista, di nuovo, valenze neoclassiche. Un’altra faccia del modernismo di retroguardia emerge nella stasi sfumata di “Smothered In Hugs”, con un duetto alla Bardot-Gainsbourg. La title track è lo stadio avanzato di “Wayne Mills”, una ballata quieta e allegra con appena qualche striatura d’archi e qualche carezza di distorsione. Il loop di archi di Natale che scandisce “Bigger Than Sound” è il momento più all’avanguardia, vicino ovviamente al trip-hop.

L’operazione di scrittura a più mani (oltre ai coniugi Rolfe, anche il flautista Matt Harrison che, tra qualche altra, pennella i languori e il vocalismo purissimo di “You Me And The Holy Ghost”) non inficia, e anzi fortifica di una tacca il suono miniaturistico del complesso. Il loro limite - oltre a una delle ultime zavorre slowcore, “St. Mary” - è la cornice, troppo carica rispetto al quadro. Troppo rifinito, poco credibile. Seguito dall’Ep “Amy Grant” (2015).

(24/12/2015)

  • Tracklist
  1. Like Alastair Sim
  2. Wayne Mills
  3. Atlases
  4. In Amber
  5. Smothered In Hugs
  6. London’s Leaving Me
  7. Bigger Than Sound (And Greater Than Us)
  8. St. Mary
  9. You Me And The Holy Ghost
Lorna su OndaRock
Recensioni

LORNA

Heart Of Wire

(2013 - Words And Music)
Il ritorno del combo di Nottingham, con nuovi assi nella manica

LORNA

Writing Down Things To Say

(2008 - Words On Music)
Il seguito degli acclamati "Static Patterns" della band di Nottingham

LORNA

Static Patterns & Souvenirs

(2005 - Words On Music)

Lorna on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.