Lycia

A Line That Connects

2015 (Handmade Birds) | darkwave, ethereal

Veterani con un back catalogue che farebbe la gioia di molte band contemporanee, i Lycia hanno definito la darkwave anni Novanta come pochi altri.
Il concept del loro nuovo album è la linea che congiunge tutte le cose, passate e future, vicine e lontane, un trait d'union come quello che lega i freddi battiti industriali di "Wake" (1988) e questo decimo disco in studio, dove Mike VanPortfleet ritrova i compagni di viaggio storici: Tara VanFlower e il polistrumentista David Galas.

L'ottima produzione, in passato mai così cristallina, è evidente sin dalle prime note dell'iniziale "The Fall Back", così come lo è l'enfasi sulla chitarra di Galas: una netta virata rispetto all'ambient-wave dilatata del precedente "Quiet Moments" (2013); eccellente, come sempre, il contrappunto di voci tra Mike e Tara. Gli fa seguito un pugno di brani nei quali i Lycia portano avanti la loro formula a base di riverberi ipnotici ("Monday Is Here") e atmosfere eteree ("A Trade Out").
La robusta "An Awakening" impone un drastico cambio di ritmo, ideale intro del "secondo atto": le atmosfere soffuse lasciano il posto a un gothic-rock veemente ma melodico, che ci consegna dei Lycia per certi aspetti inediti; tra distorsioni e accelerate inconsuete sfiorano anche il metal in brani come "Bright Like Stars" e "Illuminate".

Un azzardo? Di certo i nostri sanno come muoversi tra le molte sfumature del nero, e questa loro nuova "versione" soddisfa tanto l'orecchio del novizio quanto quello allenato: i loro trademark sono ben presenti e le incursioni al di fuori del "genere" vengono gestite con una maestria non comune.
La terza parte dell'album si contraddistingue invece per i toni più soft, e nel finale ("The Only Way Through Is Out") veniamo cullati verso dimensioni lontane, oniriche, paesaggi suggestivi ricreati da un sound garbatamente oscuro e affascinante.

Il viaggio dei Lycia si arricchisce dunque di un nuovo capitolo, a tratti sereno come una notte innevata, a tratti imponente come il mare d'inverno: ancora una volta un lavoro di grande qualità, confezionato da veri e propri artigiani del bello la cui musica, come un vino pregiato, ha acquisito sfumature con il passare degli anni.

(05/10/2015)



  • Tracklist
  1. The Fall Back 
  2. Monday Is Here 
  3. Silver Leaf 
  4. A Trade Out 
  5. Blue 
  6. An Awakening 
  7. The Rain 
  8. Bright Like Stars
  9. The Light Room 
  10. Illuminate
  11. A Ghost Ascends
  12. Hiraeth
  13. Autumn Moon 
  14. The Only Way Through Is Out
Lycia su OndaRock
Recensioni

LYCIA

Quiet Moments

(2013 - Handmade Birds)
Tra l’isolazionismo più cupo e l’estetica romantica della solitudine, il ritorno dei ..

LYCIA

Tripping Back Into The Broken Days

(2003 - Projekt)
Torna il progetto del chitarrista Mike Van Portfleet

Lycia on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.