Monkey Plot

Angående omstendigheter som ikke lar seg nedtegne

2015 (Hubro) | experimental, free improvisation

“A riguardo delle circostanze che non possono essere registrate” è la traduzione letterale del lungo titolo, ispirato al poeta e sound artist Pär Thörn, scelto dai Monkey Plot per la loro seconda prova in due anni. Nominati nel 2014 come “giovani musicisti jazz dell'anno” in Norvegia, i membri di questo curioso trio acustico non sono propriamente riconducibili a tale genere, essendo perlopiù impegnati in un'imprendibile forma di libera improvvisazione, ideale semmai come colonna sonora astratta per la vita di piccolissime creature sotterranee.

Uno stile che potremmo definire “ermetico”, in grado di svuotare gli strumenti dal loro carattere comune: il contrabbasso è una pulsazione continua, monotona e sottile, mentre la batteria viene a malapena percossa o “strisciata” con bacchette delicate e archetto. Un ruolo tutto particolare ha infine la chitarra, cui vengono cavate fuori note inusitate e non sequenziali, dalla tastiera come dalla paletta – punto di massima tensione delle corde –; più che un comune strumento d'accompagnamento pare di ascoltare una versione “melodica” degli intonarumori di Luigi Russolo, talvolta simile a una grattugia risonante (“unge mennesker”), talaltra a una scatola di sassolini delicatamente scossa (“dere er der”).
Tra i frammenti più interessanti ne troviamo un paio prossimo alla stick music (“å legge til”, “de flyter”) o un'analoga versione più sincopata, quasi stoner al confronto (“i utlandet”). Solo in “undertiden” il tutto assume una morbida linearità che fa pensare a un estratto delle ben più longeve sessioni dei Necks, per poi richiudersi nel più pacato solipsismo del finale (“jeg snakket for lite”, vale a dire ho parlato troppo poco).

Monkey Plot è ancora in fase sperimentale, e col prossimo lavoro potrebbe dare forma a qualcosa di più organico e “professionale”. Nel mentre, il giovane trio ha già trovato il modo di proporre qualcosa che davvero non si è sentito prima – e che a questi volumi può tuttora sfuggire all'ascoltatore distratto. Un ulteriore valore aggiunto per la piccola ma prolifica Hubro, divenuta tra le etichette di riferimento per gli astri nascenti della free impro scandinava.

(03/09/2015)

  • Tracklist
  1. unge mennesker
  2. som om husene ikke vet
  3. å legge til
  4. dere er der
  5. i utlandet
  6. et mikrofoto
  7. inne
  8. de flyter
  9. å bygge
  10. om
  11. undertiden
  12. jeg snakket for lite
Monkey Plot su OndaRock
Recensioni

MONKEY PLOT

Here I Sit, Knowing All Of This

(2016 - Hubro)
Il promettente trio di casa Hubro torna sulle coordinate del rock strumentale

Monkey Plot on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.