Motorpsycho

Supersonic Scientists

2015 (Stickman) | psych-rock

Distillare 25 anni di attività in una retrospettiva che possa essere la più rappresentativa possibile: questa l'impresa che si pone “Supersonic Scientists”. Ma condensare il percorso dei Motorpsycho, districandosi fra decine album, un’infinità di Ep, collaborazioni e progetti incrociati, è un’operazione tutt’altro che agevole.
La scusa è fornita dalla pubblicazione di un libro biografico, pubblicato a metà ottobre in sole mille copie, per metà acquistabili sul web, e per l’altra metà presso la mostra dedicata al gruppo in quel di Trondheim. Il risultato è un doppio cd antologico, studiato per fungere da bignamino di uno fra i più autorevoli progetti mondiali del moderno psych-rock.

Mai come in questo caso le rinunce sono tante e dolorose, basti pensare alle drammatiche assenze delle fondamentali “S.T.G.” e “Kill Some Day”, in favore di brani meno indispensabili (cito “Cloudwalker” e “Cornucopia”), oppure di tracce decisamente prescindibili: “In Our Tree” non è certo il migliore estratto possibile da “Black Hole/ Blank Canvas”, “Toys” è un singolo riempitivo dello scorso anno, “Dominoes” (dal recente “The Motorpnakotic Fragments”) è robetta per maniaci iper-completisti.
Le discutibili scelte inficiano il rating complessivo, che avrebbe potuto attestarsi su standard ben più elevati, direi i massimi possibili, ma è pur sempre un gran bell’ascoltare, fra una “Vortex Surfer” che non smette mai di stupire, una “Starmelt/ Lovelight” dal passo bruciante, una “The Golden Core” ipnoticamente psichedelica, una “The Nerve Tattoo” brillantissimo esempio di alt-pop stellare, una “Psychonaut” che è materiale arrivato da un pianeta alieno, una "Little Lucid Moments" alla quale va data giustamente una seconda opportunità.

Si parte con il roccioso anthem “Nothing To Say” ripreso da “Demon Box”, il brano più anziano della raccolta, che per il resto cercherà di racchiudere tutte le fasi della carriera della formazione scandinava senza sentirsi in dovere di rispettare un ordine cronologico.
Il secondo dischetto è incentrato sul lato più “leggero” della band”, fra gli archi di “The Other Fool”, le reminescenze da Summer Of Love di “Going To California”, i languori di “The Afterglow” e “Serpentine”.

Bella la confezione, contenente un family tree formato poster pieno zeppo di informazioni, una sorta di mappa biografica tascabile che ricostruisce le diverse line-up succedutesi nel tempo.
Ma il sapore è quello dell’occasione sprecata: per avvicinarsi al caleidoscopico universo di una delle più influenti band delle ultime tre decadi, resta consigliabile rifornirsi della pazzesca sequenza “Demon Box”/ “Timothy’s Monster”/ “Blissard”/ “Angels And Daemons At Play”/ “Trust Us”.
Il risultato di cinque anni irripetibili (dal 1993 al 1998) in grado di certificare l’immenso talento e l’enorme peso specifico del combo norvegese.

(17/11/2015)

  • Tracklist

Disc 1

  1. Nothing To Say
  2. Little Lucid Moments, pt.1
  3. Vortex Surfer
  4. Dominoes
  5. Starhammer
  6. The Nerve Tattoo
  7. Starmelt / Lovelight
  8. In Our Tree
  9. Psychonaut (bonus track)

 
Disc 2

  1. The Other Fool
  2. The Afterglow
  3. Go To California
  4. Cloudwalker
  5. Cornucopia
  6. Serpentine
  7. The Golden Core
  8. Toys (bonus track)
Motorpsycho su OndaRock
Recensioni

MOTORPSYCHO

The Tower

(2017 - Stickman)
Ritorno al disco doppio di jam rocciose per i tre norvegesi

MOTORPSYCHO

Here Be Monsters

(2016 - Stickman)
Prosegue senza cedimenti l'enciclopedica saga psych-rock del trio norvegese

MOTORPSYCHO

Behind The Sun

(2014 - Stickman)
Ennesimo superbo lavoro per la band norvegese, al traguardo dei 25 anni di attività

MOTORPSYCHO

Still Life With Eggplant

(2013 - Stickman)
Il ritorno verso territori hard-psichedelici per la band-istituzione norvegese

MOTORPSYCHO

The Death Defying Unicorn

(2012 - Rune Grammofon)
Il trionfo symphonic-prog della storica formazione norvegese, tra fughe strumentali e radure chamber-jazz ..

MOTORPSYCHO

Heavy Metal Fruit

(2010 - Rune Grammofon)
La band norvegese ritorna con un disco ancora più "pesante"

MOTORPSYCHO

Child Of The Future

(2009 - Rune Grammofon)
Un lavoro pubblicato soltanto su vinile per festeggiare i vent'anni di attività della band ..

MOTORPSYCHO

Little Lucid Moments

(2008 - Rune Grammofon)
Torna il gruppo norvegese, tra psichedelia pesante e avventurose jam

MOTORPSYCHO

Black Hole / Blank Canvas

(2006 - Stickman)
La truppa motorpsichedelica si cimenta in un album doppio

MOTORPSYCHO

It's A Love Cult

(2002 - Stickman)

Live Report
Motorpsycho on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.