Marilyn Manson

The Pale Emperor

2015 (Hell etc.) | gothic-rock, hard-rock

Fa di tutto il caro vecchio Brian Warner, padre e padrone della sigla Marilyn Manson, nel suo ennesimo album lungo (nono in vent’anni di carriera), per ricordare a se stesso, al pubblico, alla hit parade, finanche alla critica, che ancora vive e lotta - nonostante dischi inetti come “Eat Me Drink Me” (2007), “The High End Of Low” (2010) e “Born Villain” (2012). A iniziare dal titolo, “The Pale Emperor”. Il pallido imperatore fu lui, il clown satanico che mise sotto scacco il pubblico di Mtv fino a crearsi un vero popolo di adepti.

È di fatto un ridondante, retorico concept sul potere e lo sfruttamento che ha quasi del medievale, trascinato stancamente da quelle che sono semplici ballate senza arte né parte: oltre a una decente “Deep Six”, ancora uno schiaffo di una qualche energia, il singolo “Third Day Of A Seven-Day Binge”, “Killing Strangers”, e le più altisonanti e melodrammatiche “Odds Of Even” e “Slave Only Dreams To Be King”, non fanno che mimare il tardo grunge.
Per i vecchi fan ci sono sempre parodie degli assalti d’inizio carriera nel suo tipico glam-industrial (“The Mephistopheles Of Los Angeles”, “Slave Only Dreams To Be King”), solo che a furia di ripetersi lungo gli anni sono ora diventati gioviali saltarelli ballabili.

Composto, co-scritto, arrangiato, co-prodotto perlopiù dalla new entry Tyler Bates, già rodatissimo mestierante di colonne sonore di tutti i tipi: nessun valore aggiunto, anzi, si va al ribasso (volumi ipersaturi, canzoni col minutaggio in eccesso), ed è arduo ascoltare ancora una volta un suono risaputo da parte di un artista risaputo. In un progetto tenuto clinicamente in vita, Warner si limita a guaire e solfeggiare disperato. Esaspera presto. Secondo parto della personale Hell etc. Records (il primo era "Born Villain"). Tre bonus (demo acustici) nella versione deluxe.

(27/02/2015)

  • Tracklist
  1. Killing Strangers
  2. Deep Six
  3. Third Day Of A Seven-Day Binge
  4. The Mephistopheles Of Los Angeles
  5. Warship My Wreck
  6. Slave Only Dreams To Be King
  7. The Devil Beneath My Feet
  8. Birds Of Hell Awaiting
  9. Cupid Carries A Gun
  10. Odds Of Even
Marilyn Manson su OndaRock
Recensioni

MARILYN MANSON

Born Villain

(2012 - Cooking Vinyl / Hell Etc)
Un'estetica svuotata, sorretta da alcune canzoni riuscite per il reverendo

MARILYN MANSON

Eat Me, Drink Me

(2007 - Interscope Records / Universal)
Il Reverendo dell'horror-gothic mostra il suo lato tenero

Marilyn Manson on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.