Neil Young + Promise Of The Real

Monsanto Years

2015 (Reprise) | songwriter, alt-rock

Inanellata anche una sbandata sentimentale a base di orchestra per “Storytone”, la rotta artistica di Neil Young vira, con “Monsanto Years”, di nuovo verso quel suo solito suo modo goffo di affrontare la polemica contemporanea. Da “Southern Man” - pur sempre ancora in equilibrio - fino ai tardi “Living With War” e “Fork In The Road”, passando per gli ingenui “Re-Ac-Tor” e “Trans”, Young dimentica che il suo forte sono state le elegie accusatorie, cupe e soffuse.

Questo è anzi il suo più irrilevante e pericoloso. Il suo attaccare e dileggiare la Monsanto Company, uno dei leader mondiali nel settore biotecnologie alimentari - per quanto certamente controversa - potrebbe risolversi in una sorta di equivoco spot a favore dell’azienda in questione.
Ma la cosa peggiore è che non si tratta solo di concept pseudo-politico. C’è anche un contenuto da affrontare: le liriche fatue, autoindulgenti, occupano buona parte dello spettro, dunque non si può far finta di non sentirle. Spesso sono veementi rosari Dylan-iani, altrettanto spesso sono soltanto logorrea della più quintessenziale con slogan ridicoli da hippy decrepito.

Tolto questo, il disco è impeccabilmente Neil Young e non solo neilyounghiano, un piccolo concentrato di tipico sound, quel suo tipico sporco, sonnolento e quasi svogliato grezzume che a tratti retrocede fino a “Time Fades Away”, ed è un faro per le nuove generazioni, peraltro incarnate da una nuova band di giovani - i Promise Of The Real (già un paio di album all’attivo) - tra cui i figli del leggendario Willie Nelson, i due chitarristi Lukas e Micah. Gli incisi e le orchestrazioni sono sufficientemente affondanti, nel solenne (e, certo, retorico al 101%) gospel-blues "A New Day For Love", o nel vaudeville alla Holy Modal Rounders di "People Want To Hear About Love", e in quello fischiettato di "A Rock Star Bucks A Coffee Shop", o l'honky-tonk di "Workin' Man".

I pezzi di media durata, “Big Box” e la traccia eponima, sono andamenti torrenziali che un po' fanno rimpiangere i Crazy Horse, e purtroppo vi risuona più l’invettiva canora che i duetti-duelli tra le chitarre del leader e dei nuovi arrivati: le durate monstre di “Psychedelic Pill” rimangono un’eccezione. Il materiale di "Big Box" è debole e radiofonico ma anche sviluppato con un'articolazione progressiva che non abbassa mai la guardia, mentre "Monsanto Years" sono altri 8 minuti di ballata eroica e pigra (doppiata e trasfigurata da "If I Don’t Know").

Soprattutto ci sono, disseminati un po' dappertutto, attimi e spezie lisergiche discretamente aliene all’estetica dell’artista, anche grazie alle ragnatele di percussioni sullo sfondo di Tato Melgar, spezie che forse sono sempre state in incubazione e che ora affiorano con gloriosa naturalezza. Una perlina country-rock che completi il quadro? C’è: “Wolf Moon”, tutta sospensioni di slide, anche video. Edizione deluxe con versione Pono.

(30/06/2015)

  • Tracklist
  1. A New Day For Love
  2. Wolf Moon
  3. People Want To Hear About Love
  4. Big Box
  5. A Rock Star Bucks A Coffee Shop
  6. Workin’ Man
  7. Rules Of Change
  8. Monsanto Years
  9. If I Don’t Know
Neil Young su OndaRock

Monografia

Neil Young

The Loner

Recensioni

NEIL YOUNG

Hitchhiker

(2017 - Reprise)
Recupero di una session acustica di prova, risalente al 1976, per il cavallo pazzo

NEIL YOUNG + PROMISE OF THE REAL

Earth

(2016 - Reprise)
Doppio live per un loner sempre più ecologista e la sua giovane band

NEIL YOUNG

Peace Trail

(2016 - Reprise)
Nuovo instant record di attivismo e contemporaneità per il gran canadese

NEIL YOUNG

A Letter Home

(2014 - Third Man)
Eccentrica raccolta di cover dal suono antico per il grande canadese

NEIL YOUNG

Storytone

(2014 - Reprise)
L’approdo al rock orchestrale per il grande canadese, in un’accensione di grandeur

NEIL YOUNG & CRAZY HORSE

Psychedelic Pill

(2012 - Reprise)
Primo album doppio per il Loner canadese, al fianco dei suoi Crazy Horse

NEIL YOUNG & CRAZY HORSE

Americana

(2012 - Reprise)
La rimpatriata tra il vegliardo canadese e la sua mitica band, per una raccolta di traditional ..

NEIL YOUNG

Le Noise

(2010 - Reprise)
Il "loner" nel suo disco pił "loner", accompagnato dal conterraneo Lanois

NEIL YOUNG

Fork In The Road

(2009 - Reprise)
L'album "ecologico" del loner canadese: dieci tracce con un mood sfacciatamente arioso ..

NEIL YOUNG

Chrome Dreams 2

(2007 - Reprise/Wea)
Il vecchio loner canadese riesce ancora a emozionare

NEIL YOUNG

Living With War

(2006 - Reprise)

NEIL YOUNG

Prairie Wind

(2005 - Reprise)
Young abbandona i Crazy Horse e cavalca le praterie di Nashville

NEIL YOUNG

Greendale

(2003 - Reprise)

NEIL YOUNG

Rust Never Sleeps

(1979 - Reprise)
Lo storico live del Loner canadese, tra numeri acustici e cavalcate elettriche

NEIL YOUNG

Tonight's The Night

(1975 - Reprise)
L'opera con cui Young si scopre sommo filosofo del dolore, portatore di un messaggio universale e a-temporale ..

NEIL YOUNG

Harvest

(1972 - Reprise)
Ballate bucoliche e sfibranti cavalcate elettriche: l'apoteosi del country-rock younghiano

NEIL YOUNG

After The Gold Rush

(1970 - Reprise)
La migliore commistione possibile tra country e rock, tra epica da terra promessa e languide carcasse ..

News
Speciali

Neil Young + Promise Of The Real on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.