Piero Umiliani

Angeli Bianchi... Angeli Neri (ristampa)

2015 (Schema) | soundtracks

La piccola casa discografica milanese Schema, che tempo fa ha ristampato interessanti dischi del Gruppo Improvvisazione Nuova Consonanza ("The Feed-Back") e dei Braen's Machine, ha ora immesso sul mercato tre tra le più ricercate colonne sonore di Piero Umiliani, vale a dire "Angeli Bianchi... Angeli Neri" (Omicron, 1969), "La Ragazza Fuoristrada" (Liuto, 1973) e "Il Corpo" (Sound Work Shop, 1974).

Del maestro fiorentino Umiliani si ricordano soprattutto le colonne sonore per uno dei capolavori di Mario Monicelli, "I Soliti Ignoti" (1958) e del bel film drammatico di Franco Rossi "Smog" (1962), mentre il suo tema più famoso rimane il celebre motivetto "Mah-Nà-Mah-Nà", tratto da "Svezia, Inferno e Paradiso" (Omicron, 1968). In linea generale, le colonne sonore di Umiliani erano nettamente migliori dei corrispettivi film a cui appartenevano. Non fa eccezione questa "Angeli Bianchi... Angeli Neri", che commentava musicalmente un inguardabile filmetto "mondo movie" a tinte macabre di Luigi Scattini.

Le musiche, però, sono tra le più eclettiche che Umiliani abbia mai scritto per un regista. Qui si passa da consueti numeri di "easy-listening" d'alta classe ("Sweet Revelation", "The City Life", "Magical Children", "Now I'm On My Own") a scatenati ritmi brasiliani ("Saudade", "Macumba") e samba ("Carnaval"), fino ad arrivare a temi pregni di nostalgia e romanticismo ("Folk Time") e a rivisitazioni poco ortodosse di partiture classiche (Beethoven in "Magical Moonlight" e Bach in "Toccata e Samba").
Non mancano pezzi sottilmente jazzati, alla maniera di Piero Piccioni, come "La Foresta Incantata" e "Iniziazione di Una Giovane Strega". Su tutti emerge la psichedelia acida e dilatata di "Streghe a Convegno".

Come di consueto, sono state aggiunte delle bonus-track, tra cui ben sei diverse variazioni ritmiche sul tema della "Saudade" e un'ottima "Percussioni e Hammond", altro vertice lisergico del disco. Tra le voci femminili che hanno partecipato a molti dei brani qui contenuti troviamo Nora Orlandi, Shirley Harmer, Maria da Penha Silva e la grande Edda Dell'Orso. I Cantori Moderni di Alessandroni, invece, sono relegati solo in un paio di episodi.

Dalle note di Stefano Gilardino, contenute nell'interno della copertina, si legge che Scattini stesso riteneva che queste di "Angeli Bianchi... Angeli Neri" fossero tra le migliori musiche che Piero Umiliani avesse mai scritto per un film. Difficile dargli torto.

(13/06/2015)

  • Tracklist
  1. Sweet revelation
  2. Saudade
  3. Saudade (orchestra only)
  4. Folk time
  5. The city life
  6. Carnaval
  7. Streghe a convegno
  8. Magical children
  9. Magical moonlight
  10. Macumba
  11. La foresta incantata
  12. Now I'm on my own
  13. Toccata e samba
  14. Iniziazione di una giovane strega

Alternative takes:

  1. La foresta incantata
  2. Percussioni e hammond
  3. Saudade (Bahia version)
  4. Saudade (Samba 1)
  5. Saudade (Samba 2)
  6. Saudade (Condonble 1)
  7. Saudade (Condonble 2)
  8. Saudade (Capoeira)
  9. Alla porta du cimiterio
Piero Umiliani su OndaRock
Recensioni

PIERO UMILIANI

Synthi Time (ristampa)

(2016 - Schema)
Eccellente ristampa di un dimenticato disco di musica elettronica del compositore fiorentino

PIERO UMILIANI

Svezia, Inferno e Paradiso

(1968 - Omicron/ Easy Tempo/ DigiBeat)
Le basi della futura lounge nel kolossal di uno dei maestri italiani della musica da film

Piero Umiliani on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.