S4

Cold Duck

2015 (Monotype) | sax-impro

Progetto fra i più avveniristici (a livello di sonorità) del panorama free-impro contemporaneo, S4 è un quartetto formato da quattro fuoriclasse del sassofono nel mondo dell'improvvisazione libera. Trattasi dei soprano del maestro Hans Koch, dei veterani John Butcher e Urs Leimgruber e del più giovane discepolo Christian Kobi (Konus Quartett), i cui background incrociati svariano dalla musica da camera alla sperimentazione colta, con un deciso punto focale nel free-jazz.

Il primo frutto di questo coraggioso quanto temibile esperimento è “Cold Duck”, un disco composto da nove movimenti intitolati esclusivamente per mezzo del numero romano progressivo. Episodi in cui i quattro sassofoni si sovrappongono andando a creare sfumaure cromatiche dall'intensità costante, nonostante il puntuale ricorso a saliscendi timbrici e il reiterato utilizzo dello strumento per costruire ritmi amorfi e distorti.

Il tenore del lavoro è già intuibile dal massacro tonale del primo movimento, dove sembra davvero di trovarsi di fronte all'anatra suggerita dal titolo e a un ipotetico paesaggio circostante. Sul medesimo mood si assestano anche il terzo e il quinto movimento, mentre nel quarto e nel sesto gli squarci sono ridotti a brandelli di rumore. Qualche momento di calma apparente si manifesta solo negli stridori di note alte del secondo e nel finale di sussurri del nono.

Lo scopo complessivo pare essere quello di utilizzare i quattro strumenti nella maniera più anti-convenzionale possibile, mettendone in luce le doti espressive più “nascoste”. A confermarlo sono i passaggi più estremi della raccolta, corrispondenti al settimo e all'ottavo movimento, dove il suono dei sax diviene letteralmente irriconoscibile, e l'impressione piuttosto è quella di trovarsi di fronte a un embrione di computer music piuttosto che ai lamenti di un oscillatore analogico in corto.

Plauso al coraggio e lode all'idea, ma nonostante il tentativo di variare mood e tecniche (comunque tutto fuorché innovative o inedite) la formula inizia a perdere parte del mordente ben prima della metà del disco. Un ascolto comunque impegnativo e meritevole, ma la strada verso un perfezionamento della formula è ancora lunga.

(21/09/2015)

  • Tracklist
  1. I
  2. II
  3. III
  4. IV
  5. V
  6. VI
  7. VII
  8. VIII
  9. IX


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.