Steve Roach

Skeleton Keys

2015 (Projekt) | kosmische-ambient, synth-ambient

In occasione dell'intervista che ci concesse due anni fa, Steve Roach citò come prima influenza e base di partenza della sua ricerca la Berlin School. Non a caso l'espressione che più di tutte, in quella fondamentale esperienza storico-artistica che fu la kosmische musik tedesca degli anni Settanta, si è concentrata sulla descrizione in suono dell'ambiente e delle emozioni da esso evocate: sostanzialmente il primo passo verso l'idea di musica atmosferica che Roach ha reso grammatica universale. Ma il legame fra la California degli anni Ottanta e quella Grande Germania sta anche e soprattutto nella continuità di mezzi e nella concezione dell'elettronica come gergo sonoro autonomo, in grado di cogliere la realtà da un punto di vista tanto realistico quanto squisitamente umano.

A quarant'anni da tutto questo, oggi Steve Roach torna alle sue origini, firmando un disco realizzato esclusivamente con un set-up di synth analogici modulari. La genesi di “Skeleton Keys” è raccontata per filo e per segno all'interno del digipack che contiene il disco, dove Roach racconta di aver dedicato parecchi mesi dell'ultimo anno e mezzo a costruire un armamentario di sintetizzatori modulari nuovi di zecca, in gran parte recuperati sul sito synthesizer.com. Al disco va anche la palma di uscita più promossa degli ultimi dieci anni fra le tante firmate dal maestro californiano, a dimostrazione ulteriore della portata dell'investimento artistico sull'intero progetto. Merito della dedizione della “solita” Projekt, via cartoline, grafiche e una cura maniacale nell'estetica dell'uscita.

Se è vero che “Skeleton Keys” non rappresenta certo il primo ritorno all'estetica analogica (si prendano, su tutti, lavori come “Sigh Of Ages” o il recentissimo “Spiral Meditations”), qui si assiste a un autentico comeback ai tempi di “Now” e “Traveler”, vale a dire a prima della svolta di “Structures From Silence”. L'apertura di “The Only Way In” appare subito come una trasfigurazione in pulsione delle cavalcate di Michael Amerlan, affidata alle evoluzioni di un sequencer che accumula e scarta elementi sonori ad ogni passaggio. Si tratta solo di un primo approccio con la materia, pronta a essere rielaborata in una varietà di declinazioni già a partire dalla marcia sostenuta di  “The Function Inside The Form”.

La prima metà del lavoro racchiude poi un paio di applicazioni ai soundscape classici di Roach: in “It's All Connected” torna d'attualità la trancedelia al ralenti, mentre “Outer Weave” tocca con mano i territori convulsi e hypno-tech dei lavori con Vir Unis. Il ritorno alla purezza analogica è affidato alla seconda metà del lavoro: se “Escher's Dream Is Dreaming” e “A Subtle Twist Of Fate” simulano affascinanti featuring rispettivamente con Klaus Schulze e i Tangerine Dream di “Rubycon”, l'inno delicato di “Saturday Somewhere” e l'inchino al pop sintetico di “Symmetry And Balance” offrono forse i take più originali e difficilmente collegabili ai trascorsi storici del californiano.

Due ciliegine su una torta gustosa, di quelle dal sapore e dalla ricetta quantomai “classiche” ma che proprio per questo piacciono sempre. Un lavoro che colpisce per la capacità di suonare quantomai attuale, nonostante sia concepito in seno a una tradizione sonora ormai quarantennale ed eseguito interamente con strumenti la cui età ha superato il mezzo secolo. Merito di una tradizione sonora che resta fondamento imprescindibile e trasversale di tutte le espressioni elettroniche contemporanee, ma anche del tocco inconfondibile di un maestro che dopo trentacinque anni di carriera ha ancora molto da insegnare a tanti.

(05/06/2015)

  • Tracklist
  1. The Only Way In
  2. The Function Inside The Form
  3. It's All Connected
  4. Outer Weave
  5. Symmetry And Balance
  6. Saturday Somewhere
  7. Escher's Dream Is Dreaming
  8. A Subtle Twist Of Fate
Steve Roach su OndaRock
Recensioni

STEVE ROACH

Spiral Revelation

(2016 - Projekt)
Immortali flussi di bellezza nel nuovo album del maestro dell’Arizona

STEVE ROACH

Invisible

(2015 - Timeroom)
Il viaggio nell'oscurità del maestro californiano

STEVE ROACH

Etheric Imprints

(2015 - Projekt)
Il corriere dell'ambient music firma il suo disco "isolazionista"

STEVE ROACH & KELLY DAVID

The Long Night

(2014 - Projekt)
Primo autografo di Steve Roach sul 2014, per la prima volta al fianco dell'amico Kelly David

STEVE ROACH

Structures From Silence - 30th Anniversary Edition

(2014 - Projekt)
Nuova edizione "expanded & deluxe" di un caposaldo della "space electronic music"

STEVE ROACH

The Delicate Forever

(2014 - Projekt)
Roach festeggia i trent'anni di "Structures From Silence" riassumendo le trame più quiete del ..

STEVE ROACH

The Desert Collection - Volume One

(2014 - Timeroom)
Una raccolta selezionata di classici intramontabili per il sovrano dell'ambient music

STEVE ROACH

At The Edge Of Everything

(2013 - Timeroom)
Roach ripesca una delle sue rarissime performance europee risalente a inizio millennio

STEVE ROACH

Soul Tones

(2013 - Timeroom)
Il ritorno di Steve Roach alla formula pił classica della sua ambient music

STEVE ROACH

Future Flows

(2013 - Projekt)
Ennesimo lavoro di spessore per l'inesauribile re dell'ambient music

STEVE ROACH

Live Transmission

(2013 - Projekt)
La quarta firma di Steve Roach sul 2013 è la registrazione di un live radiofonico

STEVE ROACH

Spiral Meditations

(2013 - Timeroom)
La nostalgia per la Berlin School nelle spirali del maestro californiano

STEVE ROACH

Day Out Of Time (ristampa)

(2012 - Projekt)
Ristampa per il decimo anniversario di quest'opera tra deserto e cielo

STEVE ROACH

Back To Life

(2012 - Projekt)
L'ennesimo, ottimo parto del padre dell'ambient moderna

STEVE ROACH

Sigh Of Ages

(2010 - Projekt)
Ripeschiamo uno dei dischi pił interessanti del maestro dell'ambient moderna

STEVE ROACH

Dreamtime Return

(1988 - Fortuna)
Il capolavoro del musicista californiano, trattato indissolubile dell'ambient music moderna

Steve Roach on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.