Stornoway

Bonxie

2015 (Cooking Vinyl) | folk-pop

Tra i pochi superstiti “veri” degli anni d’oro del folk-pop britannico, quello che ha poi partorito star internazionali come Mumford & Sons e Laura Marling e forse un po’ orientato parte del pop mainstream verso i propri stilemi acustici, gli Stornoway hanno seguito un percorso del tutto autarchico, dopo il successo di “Beachcomber’s Windosill”, senza cedere all’anima più diretta e orecchiabile dei pezzi di quel disco – anzi cercando di trovare una strada personale e matura nel secondo, meno ispirato “Tales From Terra Firma”.

Questo “Bonxie” li trovava insomma a metà del guado, tra un declino, uno spegnimento della propria proposta, un po’ come per i Leisure Society, ma con un passato ben più flebile, e la possibilità di rilanciarsi in grande stile, come il Conor O’Brien di quest’anno. L’esuberanza melodica e strumentale di questo terzo disco non lascia dubbi: si tratta del secondo caso.
“We Were Giants” è la canzone romantica, malinconica ed esistenziale che Nick Hemming non sa più scrivere; “The Road You Didn’t Take” è quella interpretazione della “tradizione” folk che Laura Marling vorrebbe scrivere, ma non può; “Get Low” è il capolavoro in forma Bee Gees, con sbarazzino e stonato accompagnamento sintetico, che forse Brian Briggs non aveva finora avuto il coraggio di scrivere.

“Bonxie” è di gran lunga il disco più solido della band, rispetto anche all’esordio, che aveva alcuni pezzi superlativi e altri decisamente di contorno: la cura e la freschezza negli arrangiamenti, il tiro dei pezzi rende questo disco decisamente l’”Into The Murky Water” degli Stornoway (il twee-pop di “When You’re Feeling Gentle”).
La scrittura di Briggs sembra costantemente involarsi per farsi inno, pur mantenendo intatta l’anima infantile e immacolata del “piccolo principe” inglese (“Lost Youth”, il finale alla Manic Street Preachers di “Sing With Our Senses”): il saluto finale di “Love Song Of The Beta Male” è davvero una delle cose che non vi dimenticherete di quest’anno in musica.

(24/04/2015)



  • Tracklist
  1. Between The Saltmarsh And The Sea
  2. Get Low
  3. Man On Wire
  4. The Road You Didn't Take
  5. Lost Youth
  6. Sing With Our Senses
  7. We Were Giants
  8. When You're Feeling Gentle
  9. Heart Of The Great Alone
  10. Josephine
  11. Love Song Of The Beta Male
Stornoway su OndaRock
Recensioni

STORNOWAY

Tales From Terra Firma

(2013 - 4AD)
Il disco della maturità per Brian Briggs e compagni

STORNOWAY

Beachcomber’s Windowswill

(2010 - 4AD)
Il disco di debutto di un interessante quartetto folk-pop britannico

Stornoway on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.