Agnes Obel

Citizen Of Glass

2016 (PIAS) | classical, pop

A distanza di tre anni da “Aventine”, la delicata rappresentante della musica classica pop Agnes Obel torna con i suoi incanti. A differenza del precedente lavoro, l'atmosfera cambia e “Citizen Of Glass” si candida a essere il miglior album fin qui pubblicato dalla musicista danese.

Il ritrovato fulcro di un'ispirazione mai così fervida produce una raccolta di canzoni di raro spessore. A cominciare da “Stretch Your Eyes”, si percepisce un pathos diverso, c'è qualcosa di più urgente e drammatico ad animare la musica della Obel, capace fin da subito di ritrovare le atmosfere ispirate del suo esordio. Le sibilanti note di violino squarciano flebili sospiri in sottofondo, mentre il cello pennella dolce e corposo fra contrappunti di piano. Se “Familiar” e la title track puntellano graziosamente con cori maschili dal sapore spirituale (vedi le lezioni di Arvo Pärt), il tormento strumentale di “Red Virgin Soil” non dona un attimo di tregua in un'atmosfera globale poco accomodante.
Questo straziante racconto continua con squarci che sanno di colonna sonora dark (“It's Happening Again”), graziosissime fiabe in punta d'arpa (la magnifica “Stone”) e una scorrevolezza rara nelle canzoni della vocalist danese (“Trojan Horses”). Sul finire viene introdotto un elemento percussivo nuovo, infatti l'uso dello xylofono in “Golden Green” dona luce nuova dal punto di vista timbrico, mentre “Mary” conclude l'opera con sospiri e un tatto unico, sfumando in maniera graduale e molto delicata.

In un sostanziale flusso di note e parole, la stessa potenza introversa viene riversata in tutte le dieci tracce, i ritmi si fanno più concitati rispetto al passato, fanno capolino spesso le percussioni, oltre a toni decisamente più cupi e meno rarefatti, facendo della terza prova di Agnes Obel un magnifico esempio di musica contemporanea classica, attuale, perfettamente collocabile e mai scontata.

(18/01/2019)



  • Tracklist
  1. Stretch Your Eyes     
  2. Familiar     
  3. Red Virgin Soil     
  4. It's Happening Again     
  5. Stone     
  6. Trojan Horses     
  7. Citizen Of Glass     
  8. Golden Green     
  9. Grasshopper     
  10. Mary
Agnes Obel su OndaRock
Agnes Obel on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.