The Fiction Aisle

Fuchsia Days

2016 (Self Released) | art-pop

A pochi mesi dall’esordio “Heart Map Rubric”, i Fiction Aisle licenziano un nuovo capitolo discografico, confermando un intenso periodo creativo per la band di Thomas White (ex-Electric Soft Parade).
“Fuchsia Days” è un album atipico, quasi timido nella sua esigua disponibilità fisica (cinquanta copie), un passo deciso verso una musicalità ancora più evanescente, dove psichedelia e trame musicali in stile Canterbury prendono il sopravvento, accantonando le lusinghe del pop.

La tournée con Crayola Lectern e la recente passione per la musica di Peter Blegvad e John Greaves hanno lasciato il segno in queste tranquille e quasi algide escursioni sonore. Sono esemplari del nuovo corso sonoro i dodici minuti quasi mistici di “Tonight”, un omaggio ai Pink Floyd di “Obscured By Clouds”, ricco di preziose cesellature vocali e fiumi di tastiere, un brano caratterizzato da un crescendo lirico quasi impercettibile, che evita orpelli e toni pleonastici, nonostante l’epica evoluzione quasi sinfonica del finale.

Anche l’introduttiva “Dust”, con i cori a cappella e malinconiche trame di synth, rimette in gioco gli anni 70, citando la perfezione corale di Beach Boys e Queen.
Sono ancora le voci le protagoniste di “Threnody (For E.A.)”, il brano più ambizioso e criptico di “Fuchsia Days”: una ballata quasi ipnotica e visionaria che sposta leggermente l’orologio in avanti verso i Radiohead di “Ok Computer”, regalando la melodia più memorabile dell’intero progetto.

“Fuchsia Days” è un album dal fascino stillatizio, quasi una provocazione per il fruitore moderno, sottoposto al martellante uso dello skip in fase d’ascolto.
Brani come “The Dream”e “Salt In The Wound” appaiono pigri e indolenti prima di mostrare tutto il loro fascino. Più facile restare incantati dal tono glaciale e profondamente lirico di “Country Mile” o dai landscape alla “Blade Runner” della title track che completano un percorso sonoro che promette interessanti sviluppi futuri per la band di Brighton.

(04/01/2017)



  • Tracklist
  1. Dust
  2. Salt In The Wound  
  3. The Dream
  4. Tonight
  5. Threnody (for E.A.)
  6. Country Mile
  7. Fuchsia Days
The Fiction Aisle su OndaRock
Recensioni

THE FICTION AISLE

Jupiter, Florida

(2018 - Chord Orchard/Republic Of Music)
La metamorfosi pop del gruppo di Brighton

THE FICTION AISLE

Heart Map Rubric

(2015 - Self Released/ Chord Orchard)
Sulla scia dei migliori Costeau e Clientele il ritorno discografico dell'ex-Electric Soft Parade

The Fiction Aisle on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.