AA.VV.

Close To The Noise Floor

2016 (Cherry Red) | minimal-synth, trance, elettronica

"Close To The Noise Floor" è un elegante cofanetto di ben 4 cd che si prefigge di essere un compendio quantomai vario (se non addirittura completo) di tutta quella corrente sotterranea della new wave elettronica inglese che sarà poi ribattezzata come "minimal-synth". I nomi di grossa risonanza sono pochi, ma quei numerosi minori incisero, bene o male, qualche piccola gemma del genere, sebbene si tratti di semplici 7" o di brani che sono circolati solo su poche cassette a tiratura ultra-limitata.
Il box porta correttamente come sottotitolo "Formative Uk Electronica, 1975-1984". In effetti, di questo si tratta: brani perlopiù sconosciuti presso il grande pubblico, ma che sono stati importanti per lo sviluppo della musica elettronica popolare (anticipando, tra l'altro, di anni la house e la techno), prima in Inghilterra e poi nel resto del globo, benché i Kraftwerk avessero già inventato tutto o quasi.

Tra i nomi più popolari qui racchiusi troviamo gli Human League ai loro albori ("Being Boiled"), gli Omd ("Almost"), i Dome sotto pseudonimo (il trio bcGilbert, gLewis, russell Mills), i Throbbing Gristle ("What A Day"), Muslimgauze ("Muslin Gauze Muslim Prayer"), John Foxx ("A New Kind Of Man"), Eyeless In Gaza ("Kodak Ghosts Run Amok") e i Renaldo And The Loaf ("God Speed"). Le sorprese, però, vengono questa volta proprio dai minori, forse perché si tratta di brani ascoltati praticamente per la prima volta.
Sorprendenti sono i Five Times Of Dust, con la loro proto-techno ("Computer Bank"), oppure l'elettronica minimale (quasi pre Pan Sonic) degli Zorch ("Adrenalin"), così come pure la minimal-synth di alta qualità dei Blancmange ("Holiday Camp") e degli Nagamatzu ("Faith"). Ottima pure la trance ante-litteram dello sperimentatore Thomas Leer ("Tight As A Drum") e di Ron Berry ("Sea Of Tranquillity"). Niente male anche la robotica "Robot Dance" degli Sea Of Wires, l'elettronica inquietante di Mark Shreeve ("Embryo") e di Carl Matthews ("Encounter") e il sinfonismo oscuro di Adrian Smith ("Joe Goes To New York") e di Paul Nagle ("Ynys Scaith").

Altre belle chicche sono rappresentate dal distorto breakbeat di "Sexuality" degli We Be Echo, dalla rumorista "God With Us" degli Bourbonese Qualk, dalla stupefacente cover di "D'Ya Think I'm Sexy" dei British Standard Unit (sigla dietro la quale si celava il tastierista dei Mott The Hoople, ovvero Morgan Fisher) e dal punk elettronico dei Cultural Amnesia ("Materialistic Man"). Niente male neppure la musica concreta di "No Way Of Knowing" degli A Tent e di "Eco Beat" degli DC3.
I più curiosi sono i Gerry And The Holograms (che volevano essere una parodia in chiave elettronica dei Gerry And The Pacemakers), con uno spassoso brano omonimo del 1979, che fu addirittura uno dei dischi preferiti in assoluto da Frank Zappa.

Tra i nomi conosciuti e perfettamente in linea con il genere troviamo gli O Yuki Coniugate (qui non ancora al livello della loro maturità, ma sempre interessanti), i British Electric Foundation (che erano formati da ex-Human League), gli Attrition e il techno-pop industriale dei Chris & Cosey. Un po' fuori contesto la presenza dei Legendary Pink Dots, con un buon brano dai toni psichedelici e fiabeschi, "God Speed".
Di gran pregio è il libretto allegato (cinquanta pagine piene zeppe di informazioni, note, commenti, foto e locandine originali). Da avere, nonostante il prezzo non proprio economico.

(17/05/2016)

  • Tracklist

Cd 1

  1. Five Times Of Dust - Computer bank
  2. The Klingons - R.A.M.
  3. Chris & Cosey - Re- education through labour
  4. Malcom Brown - Sedation Strokes
  5. Storm Bugs - Little Bob Minor
  6. Thomas Leer - Tight as a drum
  7. Blancmanage - Holiday camp
  8. Inner City Static - Fractured smile
  9. We Be Echo - Sexuality
  10. Bourbonese Qualk - God with us
  11. Nagamatzu - Faith
  12. O Yuki Coniugate - Disco song
  13. British Electric Foundation - Optimum chant
  14. Kevin Harrison - All night long
  15. Voice Of Authority - Stopping and starting

Cd 2

  1. Colin Potter - I am your shadow
  2. British Standard Unit - D'ya think I'm sexy?
  3. Five Times Of Dust - The single off the album
  4. Spoon Fazer - Back to beginning
  5. Gerry and The Holograms - Gerry and the holograms
  6. The Passage - Drugface
  7. John Foxx - A new kind of man
  8. 100% Manmade Fibre - Green for go
  9. Those Little Aliens - Sentimental
  10. Final Program - Protect and survive
  11. Human League - Being boiled
  12. Instant Automatons - New muzak
  13. Cultural Amnesia - Materialistic man
  14. Worldbackwards - Now
  15. Alan Burnham - Music to save the world
  16. O.M.D. - Almost
  17. Eyeless In Gaza - Kodak ghosts run amok
  18. Schleimer K - Broken vein
  19. Native Europe - The distance from Koln

Cd 3

  1. Zorch - Adrenalin
  2. Sea Of Wires - Robot dance
  3. Ron Berry - Sea of tranquillity
  4. MFH - Mistral
  5. Adrian Smith - Joe goes to New York
  6. Mark Shreeve - Embryo (extract)
  7. EG Oblique Graph - Triptych
  8. Carl Matthews - Encounter 
  9. Paul Nagle - Ynys Scaith
  10. O Yuki Coniugate - Sedation
  11. Konstruktivist - Western vein
  12. Attrition - Dead of night (excerpt)

Cd 4

  1. Throbbing Gristle - What a day
  2. A Tent - No way of knowing
  3. Portion Control - Go for the throat
  4. DC3 - Eco beat
  5. Renaldo and The Loaf - Dying inside
  6. Blah Blah Blah - In the army
  7. Legendary Pink Dots - God speed
  8. Muslimgauze - Muslin gauze muslim prayer
  9. Suisse - Live at Longborne
  10. Alien Brains - Menial disorders
  11. Storm Bugs - Himeal
  12. Al Robertson - Dignity of labour
  13. bcGilbert, gLewis, russell Mills - Mzui (extract)




AA.VV. on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.