Alex Cameron

Jumping The Shark (reissue)

2016 (Secretly Canadian) | electronic, songwriter

Sfuggito alle maglie della critica, l’album di Alex Cameron risale al 2013 ma solo dopo l’interesse di Jonathan Rado dei Foxygen è stato licenziato per la Secretely Canadian, raccogliendo consensi entusiastici dalla stampa inglese e francese.

I primi passi del musicista australiano sono documentati negli album dei Seekae, un gruppo apprezzato per l’originale fusione di ambient, glitch e hip-hop (da segnalare l’album “The Sound Of Trees Falling On People”). L’ossessione principale di Alex Cameron resta però Alan Vega e il suo minimale rock’n’roll elettronico.
Con l’aiuto di un sassofonista (Roy Molloy) e un po’ di sana follia, il musicista realizza “Jumping The Shark”, mettendolo a disposizione gratuitamente sul suo sito.

Dopo un concerto a Parigi, la carriera di Alex Cameron prende un’altra direzione: la consacrazione avviene all’after show del Pitchfork Festival dove si salda l’amicizia con i Foxygen.
Interessante e stimolante, l’album mette insieme ossessioni elettroniche e pop cantautorale, quasi un incrocio tra Roy Orbison e gli Explosion In The Sky, derubricato dell’imponenza vocale o strumentale. Dietro la coltre di synth e poche sparute incursioni di sax è facile intravedere un vissuto molto particolare e avvincente. Cameron mette a nudo emozioni e personalità con una lucidità lirica encomiabile, ed è proprio in questa capacità di coinvolgere l’ascoltatore che risiede il fascino di “Jumping The Shark”.

Non v’è nulla di rivoluzionario o sconvolgente nel melanconico pop retrò dell’artista australiano, ma l’incastro tra pulsioni rock’n’roll post-Suicide (“The Comeback”) e il lieve tocco gothic alla Nick Cave (“Taking Care Of Business) alla fine funziona.
Gli evidenti limiti creativi e di scrittura non inficiano il risultato, il pop kraut-izzato di “She’s Mine”, il country-pop alla Eagles in chiave elettronica di “Happy Ending” e il robotico pop Bowie-style di “Mongrel” si fanno ascoltare con piacere.
D’altro canto, le tentazioni sperimentali di “Gone South” e della suggestiva “The Internet” evidenziano un leggero disincanto poetico che, unito al volontario citazionismo dell’elettronica anni 80, invita l’ascoltatore a non prendere troppo sul serio l'album.

Se il rock’n’roll è il linguaggio di una generazione che non trova altra potenziale voce per esprimere se stessa, non c’è dubbio che Alex Cameron abbia scoperto una forma gradevole per raccontarci la sua storia: una storia semplice, fragile, come la sua musica, a volte prevedibile, gustosa e rinfrescante come un buon bicchiere di birra.
Se cercate profondità e spessore, forse questa non è la vostra cup of tea, anche se non sarà facile sottovalutare il potenziale fascino cult di “Jumping The Shark”.

(02/12/2016)



  • Tracklist
  1. Happy Ending     
  2. Gone South     
  3. Real Bad Lookin'     
  4. The Comeback
  5. She's Mine
  6. Internet
  7. Mongrel
  8. Take Care Of Business




Alex Cameron on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.