Disemballerina

Poison Gown

2016 (Minotauro Records) | chamber-goth

I Disemballerina sono un trio di musica da camera proveniente da Portland, nell'Oregon, che ha imbracciato gli strumenti della tradizione classica per non finire nei calderoni neofolk, funeral-doom-metal o ethereal-ambient, anche se certe affinità elettive con le suddette scene restano evidenti. La formazione è composta da Ayla Holland (chitarra, bajo quinto), Miles Donovan (violino, arpa) e Jennifer Christensen (violoncello). Il nome proviene dall'unione delle parole "disembody" (disincarnare, liberare dal corpo) e "ballerina", concetto esemplificativo del carattere funereo e malinconico della musica del gruppo, in una parola "gotico" nel senso più ottocentesco e originario del termine, tanto che Don Anderson degli Agalloch ha riassunto questo nome in maniera laconica ("they have a terrible name, fucking incredible").
Fino ad ora hanno pubblicato due demo e due album molto cupi e introspettivi, "Undertaker" nel 2014 e questo "Poison Gown", inizialmente nel 2015 come autoproduzione ma ristampato nel 2016 per la nota Minotauro Records. Il titolo è in riferimento a un supposto tentativo di assassinio della regina Elisabetta I, che sarebbe avvenuto intingendo i suoi abiti nell'arsenico, rappresentato dal film "Elizabeth" del 1998 e in realtà mai attuato.

I tre sono stati dunque molto maturi nel fare delle scelte stilistiche che sulla lunga distanza meriterebbero di essere premiate; del resto questa assoluta immersione in atmosfere arcane, di passaggio tra un mondo terreno e quello ultraterreno non è certo prerogativa della modernità.
Il loro impegno da un punto di vista estetico può ricordare quello dei simbolisti francesi per cura e attenzione ai dettagli, per la capacità di descrivere i vari momenti in cui la grande mietitrice è protagonista, concedendosi soltanto minime digressioni quali lame di coltello per affilare il sentimento della vendetta.

I pezzi, tutti strumentali, sono fortemente minimali nella composizione e registrati con un'attitudine dal vivo (in pieno stile cameristico), lasciando anche delle occasionali e volontarie imperfezioni di esecuzione per conferire autenticità al suono.
Va detto che "Poison Gown" dura neanche 30 minuti e ciò lascia una sensazione di parziale incompiutezza, o quantomeno che si tratti più di un Ep piuttosto che di un full-length ufficiale, aspetto che probabilmente troverà risoluzione in un prossimo disco.

In conclusione, Disemballerina ha definitivamente catturato l'essenza della musica gotica; tale è il livello di tristezza e malinconia di cui il trio è foriero, tali l'inquietudine e la pazzia nascoste nelle sue corde dai riflessi andalusi o lusitani.
Gronda un veleno letale dai pesanti drappi viola che adornano queste stanze destinate ad esser chiuse per sempre.

(17/12/2016)

  • Tracklist
1. Impaled Matador
2. La Folia
3. That Is The Head Of One Who Toyed With My Honor
4. Phantom Limb
5. Year Of The Horse
6. Styx
Disemballerina on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.