Doug Tuttle

It Calls On Me

2016 (Trouble In Mind) | psych-pop

Al di là dell’alto grado di revivalismo, il fascino di un disco come “It Calls On Me” è innegabile. La confezione di questo ritorno dello psycher di Boston, poi, è ciò che salta più all’occhio - soprattutto il sound delle chitarre è la base, cristallina, di un amalgama passatista, che va dalla fine degli anni Sessanta ai primi Settanta, con le sue liquide litanie di una realtà rallentata (“Painted Eye”), i suoi arabeschi di basso, elettrica e flauto-synth (“Make Good Time”).

Come nell’esordio solista di Martin Courtney, la scrittura si mantiene tutto sommato sulla china del minimo necessario a reggere l’impalcatura sonora (“On Your Way”, di “A Place For You” spicca semmai l’arrangiamento). Da notare la Midlake-iana “Falling To Believe”, con tanto di ritornello epico e assolone in pieno spirito seventies, e la ballata alla George Harrison “Saturday – Sunday”.

In generale, data l’enfasi sul sound, “It Calls On Me” rappresenta un classico prodotto di genere, di sicuro successo presso i fan della psichedelia contemporanea, ma rimane comunque nell’ambito della “copia d’autore”.

(27/02/2016)



  • Tracklist
  1. A Place For You
  2. It Calls On Me
  3. Make Good Time
  4. These Times
  5. Painted Eye
  6. Falling To Believe
  7. On Your Way
  8. Saturday-Sunday
  9. Where You Will Go
Doug Tuttle su OndaRock
Recensioni

DOUG TUTTLE

Peace Potato

(2017 - Trouble In Mind)
Il disco più pop del revisionista psych di culto

DOUG TUTTLE

Doug Tuttle

(2014 - Trouble In Mind)
Il chitarrista dei mmoss alla prima prova solista, tra psichedelia e West Coast

Doug Tuttle on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.