Goat

Requiem

2016 (Rocket) | psych, world

Un impenetrabile alone di mistero continua a regnare sulle identità dei Goat, il collettivo scandinavo che ha scelto di mostrarsi al mondo privo di nomi e volti, perennemente celati dietro maschere dal sapore primitivo.
Non più un singolare ensemble folkloristico, ma una delle migliori chiavi per riassumere in maniera compiuta e definitiva lo stato dell’arte della world music contemporanea.

“Requiem”, il terzo album, dimostra che i ragazzi non sono stati un fuoco di paglia: in tredici tracce e oltre un’ora di coloratissima musica spazzano via qualsiasi eventuale residua perplessità circa la reale consistenza artistica del gruppo.
L’idea centrale resta saldissima: concentrare influenze stilistiche trasversali, fondere in maniera naturale tradizione e modernità, scrivere dei sabba ancestrali densi di suoni mutuati dal mondo, sintetizzandoli in chiave altamente lisergica.

I flauti andini che subentrano ai rumori della natura in “Union Of Sun And Moon” sono soltanto l’introduzione a una nuova magica avventura, che attraverso la rilassante danza dal profumo esotico “I Sing In Silence” conduce per mano verso la prima traccia-chiave del disco, l’esplosione ritmica di “Temple Rhythms”, un raga psichedelico che risulta una delle tre colonne portanti della ricca tracklist.
Le altre due sono “Goatband” - irresistibile torrenziale mini-jam strumentale per percussioni, chitarre e sassofono - e l’acidissima “Goatfuzz”, altro simbolo della personalissima miscela costruita per demolire qualsiasi barriera stilistica, e creare un’oasi sonora cosmopolita.

“Requiem” è un viaggio intorno al mondo in grado di riunire linguaggi, condensare contaminazioni, trasmutarsi in scenari imprevedibili, arricchirsi ora di ascendenze funk, ora di intermittenze rock (vedi il solo nella seconda parte di "Alarms"), ora di ipnosi kraut, schiudendosi persino in un finale declinato new age (“Ubuntu”).
I ragazzi arrivano dal Nord della Svezia ma sanno rappresentare tutti i Sud del mondo, rileggendoli attraverso il gusto occidentale: c’è l’India (“Try My Robe” suona molto Bollywood), l’Africa, il Sud America, i canti muezzin innestati su tramonti messicani (“Psychedelic Lover”) e tantissimo altro.

E’ la migliore attualizzazione di quello che fu il lavoro svolto da Brian Eno e David Byrne nel seminale “My Life In The Bush Of Ghosts”, ma anche da Paul Simon in “Graceland” (ascoltate con attenzione “Trouble In The Street”) o da Peter Gabriel con le produzioni marchiate Real World.
Dietro permane un’idea forte, un disegno caparbio, solo apparentemente in controtendenza rispetto ai nostri tempi: la dimostrazione di come si possa riuscire a preservare la propria (anonima) identità anche nell’era dei social network e del Grande Fratello.

I Goat sanno mischiare le carte senza far mai apparire il risultato finale fuori contesto o eccessivamente pretenzioso. I detrattori saranno pronti a sostenere come tutto sommato non abbiano inventato nulla, ma la musica del nuovo millennio, in una comunità sempre più interrazziale, non può prescindere da un approccio musicale così variegato, che non tarderà a generare proseliti.
In quest’ottica “Requiem” si impone come un disco prezioso, potente, per molti versi indispensabile, che centrifuga linguaggi, popolazioni, aromi, riunendo tutto assieme, magicamente, come in pochi hanno fatto prima d’ora. Riuscire a darne dimostrazione per la terza volta consecutiva era tutt’altro che scontato.

(04/10/2016)

  • Tracklist
  1. Djorolen / Union Of Sun And Moon
  2. I Sing In Silence
  3. Temple Rhythms
  4. Alarms
  5. Trouble In the Streets
  6. Psychedelic Lover
  7. Goatband
  8. Try My Robe
  9. It’s Not me
  10. All-seeing Eye
  11. Goatfuzz
  12. Goodbye
  13. Ubuntu




Goat su OndaRock
Recensioni

GOAT

Commune

(2014 - Rocket)
Un nuovo intreccio fra psych e world nel secondo lavoro del misterioso collettivo svedese

GOAT

World Music

(2012 - Rocket)
Il vivace esordio "tribale" di un curioso collettivo svedese

Goat on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.