Karl Blau

Introducing Karl Blau

2016 (Bella Union) | alternative, songwriter, country

L'oscurità che lo avvolge nella copertina di "Introducing Karl Blau" è quella dalla quale il cantante americano sembra finalmente uscire dopo vent'anni di carriera discografica.
Le luci che avvolgono la sua figura (sempre in copertina) mettono in chiaro l'intento di Karl Blau di affrontare le dieci canzoni con uno stile da crooner elegante e sognante.

Amato da critica e colleghi (tra i quali i Microphones e Laura Veirs, con la quale ha inciso il raro Cd-r "Lore Of Ears"), il musicista di Washington ha messo a punto un insolito album di cover con la complicità di Tucker Martine, già produttore dei Decemberists e dei My Morning Jackets, sdoganando definitivamente il suo raffinato ed eclettico country.
Con circa quaranta album all'attivo e un passato da grunge-rocker, Blau mette in gioco tutta la sua passione per il rock'n'roll e il country scomodando paragoni con Link Wray, Waylon Jennings e Glen Campbell, senza dimenticare un briciolo di soul che fa capolino dietro la notevole rilettura di "To Love Somebody" dei Bee Gees.

Viaggiando sulla stessa linea che incrocia la tradizione con le moderne inflessioni di Richard Hawley e John Grant, Blau mette in mostra le sue notevoli qualità d'interprete con un progetto che evita i cliché degli album di cover.
Gli arrangiamenti pur se molto variegati conservano uno stile di fondo, l'album alterna la leggerezza quasi beffarda di "Let The World Go By" all'intensità quasi nostalgica di un classico di Waylon Jennings, "Dreaming My Dreams", incastrando una serie di pregevoli tasselli di un disco destinato a riconciliare il pubblico con la miglior musica country.

Tra una canzone di Link Wray rivisitata in chiave soul ("Fallin' Rain"), un brano di Tom Rush ("No Regrets") depauperato della sua malinconica claustrofobia e una superba versione di "That's How I Got To Memphis" (Bobby Bare), "Introducing Karl Blau" concretizza quell'idea di fondo di donare nuova vita alla miglior tradizione cantautorale americana.

(31/08/2016)



  • Tracklist
  1. That's How I Got To Memphis
  2. Six White Horses
  3. Fallin' Rain
  4. Let The World Go By
  5. If I Need You
  6. Woman (Sensuous Woman)
  7. Dreaming My Dreams
  8. To Love Somebody
  9. Homecoming
  10. No Regrets


Karl Blau su OndaRock
Recensioni

KARL BLAU

Beneath Waves

(2006 - K Records)

Karl Blau on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.