Laura Gibson

Empire Builder

2016 (Barsuk Records) | folk-pop, songwriter

La Barsuk ha decisamente fatto di tutto per presentare il ritorno di Laura Gibson come l’album della rinascita, della consacrazione – inevitabile dopo il fuoco che ha raso al suolo l’edificio in cui abitava, appunto, Laura, insieme a tutto il suo materiale, nella sua nuova casa di New York.
E in un certo senso si avverte che un grande peso, proveniente dall’esistenza di Laura come artista e musicista, grava su questo “Empire Builder”, forse il suo disco più ambizioso e focalizzato, dopo gli inizi da cantautrice tutto sommato “normale” nel panorama folk contemporaneo (al netto della qualità).

Il secco arrangiamento percussivo di “The Cause” suona così quasi come una rivendicazione di personalità artistica, sembra quasi la nuova hit di Adele, come spirito e resa – e anche il ritornello, però, sembra un po’ appiattirsi sul refrain un po’ facile. Il singolo e title track ricorda un po’ la Laura Marling degli esordi, con gli stessi cliché di fragilità e forza, maggiore e minore – forse un brano un po’ acerbo per essere il cardine di un “disco della maturità”.
Tutto il disco, comunque, conferma l’ispirazione un po’ troppo “normale” della Gibson, come la nenia “Louis”, un giro e una linea vocale già sentiti troppe volte. Oppure il sad-folk minimalista di “Five-Thirty”, che riprende idee di arrangiamento anche queste vecchiotte e riproposte senza originalità e senza una scrittura che spicchi.

In generale, un forte sforzo calligrafico (il suggestivo e arioso folk di “The Search For Dark Lake”), che si accompagna ad arrangiamenti ambiziosi e anche coraggiosi (il tiro di “Not Harmless”), ma non a una scrittura di spessore. Un disco che può rappresentare una grande conferma ma non un’evoluzione nell’ispirazione della Gibson.

(07/04/2016)



  • Tracklist
  1. The Cause
  2. Damn Sure
  3. Not Harmless
  4. Empire Builder
  5. Five And Thirty
  6. The Search For Dark Lake
  7. Two Kids
  8. Louis
  9. Caldera
  10. The Last One
Laura Gibson su OndaRock
Recensioni

LAURA GIBSON

La Grande

(2012 - Barsuk, City Slang)
Un viaggio sonoro nello spazio e nel tempo per il terzo lavoro della songwriter di Portland

Laura Gibson on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.