Le SuperHomard

Maple Key

2016 (Mega Dodo) | electro-pop, psych, lounge

A voler professare una volta tanto un esercizio di ottimismo, verrebbe voglia di sussurrare che il french touch è finalmente tornato di moda. Magari non nella veste smagliante e iper-celebrata dei tempi d'oro tra la fine dei Novanta e l'inizio del millennio, forse ancora in forma troppo embrionale ed episodica per parlare di un vero movimento.
Eppure qualcosa al di là dalle Alpi si muove, e tanto basta per farci vagheggiare una ennesima, esaltante nouvelle vague della musica francese.

Mentre si è dicusso in lungo e in largo del ritorno sulle scene dopo tre lustri di letargo di Ludovic Navarre, nelle retrovie della scena transalpina si assiste a un rinnovato fermento che sta già producendo diversi, notevoli frutti ancora più o meno "nascosti".
In ordine puramente cronologico, e citando soltanto tre nomi a mo' di campione, l'electro-pop arrembante dei La Femme, il rock agrodolce dei Ropoporose e infine il qui presente album di debutto dei Le SuperHomard, trio di Avignone capitanato da Christophe Vaillant (chitarre e tastiere) e completato dal fratello Olivier alla batteria e dalla voce di Pandora Burgess a incorniciare il tutto.

Già licenziato lo scorso anno in Giappone da Rallye Records, il debutto “Maple Key” viene ora pubblicato in Europa da Mega Dodo su formato cd e vinile bianco in edizione limitata. Otto brani equamente divisi su due lati per un totale di una ventina abbondante di minuti: quanto basta per apprezzare l'electro-pop raffinato del combo provenzale, il cui sound sembra ideato per far sobbalzare sulla sedia gli orfani degli Stereolab, gli amanti degli Air e – crepi l'avarizia – i seguaci di Jacco Gardner, al quale peraltro hanno aperto diverse date.

Lontani dai richiami disco quanto dalle velleità mainstream, Le SuperHomard si stabiliscono in un limbo retro-futurista entro il quale ogni prospettiva risulta schiacciata fino a sovrapporsi l'una con l'altra, cosicché i languori sixties vanno a braccetto con lo space-rock e la lounge music si tinge di sfumature psych. Se “Dry Salt In You Hair” e “Mister Corn” fanno tesoro della lezione impartita da Laetitia Sadier e soci, “Bituminized” e “From My Window” sarebbero credibili come outtake di “Talkie Walkie”.
Il trip spaziale di “Maple Key” e l'andamento elegante delle due parti di “On a Sofa” completano un'opera prima contraddistinta da una scrittura brillante e un tocco leggero ma allo stesso sofisticato che non scade mai nello snobismo. 
A conti fatti, davvero niente male.

(15/03/2016)

  • Tracklist
  1. Intro
  2. Maple Key
  3. On A Sofa
  4. Bituminized
  5. Dry Salt In Our Hair
  6. On A Sofa (Part 2)
  7. Mister Corn
  8. From My Window
Le SuperHomard su OndaRock
Recensioni

LE SUPERHOMARD

Meadow Lane Park

(2019 - Elefant / Alter K)
Il gruppo francese cesella la propria formula tra electro-pop, psichedelia e gusto melodico ..

LE SUPERHOMARD

The Pomegranate Tree Ep

(2018 - Alter K)
La formazione psych-pop francese in un secondo, brevissimo ritorno

Le SuperHomard on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.