Mika Vainio

Mannerlaatta

2016 (iDEAL) | glitch, elettronica sperimentale

Per coincidenza quest'anno il nome degli estinti (?) Pan Sonic e quello di Mika Vainio si sono incrociati nell'annuncio di due pubblicazioni legate al cinema finlandese contemporaneo. È fissata per luglio, infatti, l'uscita "postuma" della colonna sonora firmata dal duo per il documentario "Atomin Paluu" (2015, tr. "il ritorno dell'atomo") dei registi Mika Taanila e Jussi Eerola, i quali osservano gli effetti della notizia di un possibile ricorso all'energia nucleare nella piccola cittadina di Eurajoki.
Al contempo lo stoico Vainio arricchisce il proprio discorso solista con una composizione destinata a "Mannerlaatta" (tr. "zolla tettonica"), lungometraggio dello stesso Taanila, la collaborazione col quale era già stata inaugurata nel 2002 con "Fysikaalinen Rengas" ("A Physical Ring"). In questo caso, però, non si tratta di un intervento di ambientazione collaterale, ma di un vero e proprio dialogo con una materia visiva fortemente astratta e cangiante.

Quello di Taanila è un lavoro di cinema sperimentale che si rifà alle avanguardie francesi degli anni Quaranta, nello specifico al cosiddetto movimento del lettrisme che, prendendo le mosse dai collage surrealisti di Bréton, Tzara e Man Ray, incentrava la propria bizzarra poetica sull'utilizzo non semantico di caratteri e simboli combinati in rapide sequenze di tableaux dove compaiono i testi del poeta Harry Salmenniemi. Rispetto alla pellicola il contributo sonoro di Vainio si pone esattamente sul medesimo livello, come fosse un secondo "rivestimento" atto a contrappuntare il magma di luci e ombre che anima la celluloide.

Oggi possiamo dire di conoscere a fondo il glossario dello sperimentatore di Kuopio che, a seconda del moniker e del tema sviluppato, adotta un certo range espressivo entro le proprie coordinate, idealmente racchiuse fra gli estremi della techno e del noise. Il confronto diretto con l'astrazione visiva di "Mannerlaatta" sembra invece ispirare una maggiore libertà nell'attingere alla tavolozza in scala di grigi, di pari passo con una notevole frammentarietà nello sviluppo delle lunghe tracce. Tra le usuali stoccate glitch e i bordoni massivi divenuti tratto distintivo da "Kesto" in avanti, spesso incontriamo dei pianali di sottile inquietudine dark ambient - come un Ø sottratto alle sue mappature astronomiche - alternati a folate cariche di detriti elettroacustici che si allineano al ritrovato interesse per la scuola INA-GRM di casa eMego (dove Vainio non è certo un estraneo).

Nel complesso uno sforzo assimilabile al minimalismo particellare di "Fe3O4 - Magnetite" - forse tuttora il suo output più radicale - e che alla stessa maniera risulta forse più interessante da una prospettiva "epistemologica" che da quella del prodotto finale, pur sempre scorporato dalla sua controparte visiva.

(06/07/2016)

  • Tracklist
  1. Öisin pidän magneetteja vatsallani
  2. Aurinko heijastuu kentän päätyyn
  3. Voisin olla vanha mies huoltamon pihassa
  4. GK21 Jetstar Japan departed 04h40mn
  5. Öisin putoan lakkaamatta
  6. Muisto palaa selittämättömästi
Mika Vainio su OndaRock
Recensioni

MIKA VAINIO

Reat

(2017 - Elektro Music Department)
Uscita postuma per il guru della sperimentazione elettronica recentemente scomparso

VAINIO & VIGROUX

Peau Froide, Lger Soleil

(2015 - Cosmo Rhythmatic)
Le varie gradazioni della tensione digitale nell'ultimo binomio post-Pan Sonic

ARNE DEFORCE & MIKA VAINIO

Hephaestus

(2014 - Editions Mego)
Un viaggio immaginario per violoncello ed elettronica tra i fiumi dei cerchi infernali

Konstellaatio

(2014 - Shk)
Recuperiamo il miglior lavoro firmato quest'anno dall'instancabile Mika Vainio

MIKA VAINIO, JOACHIM NORDWALL

Monstrance

(2013 - Touch)
Set the controls for the heart of the noise

MIKA VAINIO

Fe3O4 - Magnetite

(2012 - Touch)
Il nuovo album dell'ex-Pan Sonic sintetizza un secolo di avanguardia musicale

MIKA VAINIO

Life (...It Eats You Up)

(2011 - Editions Mego)
Scenari post-nucleari per la nuova creatura dello sperimentatore finlandese

MIKA VAINIO

Black Telephone Of Matter

(2009 - Touch)
Per la sesta prova, la metà dei Pan Sonic si cimenta con la sua opera più descrittiva

Mika Vainio on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.