Mogwai

Atomic

2016 (Temporary Residence / Rock Action) | post-rock, elettronica, soundtrack

Campioni del mondo di post-rock, abituati sin dagli albori della propria carriera a produrre suoni come fossero immagini, i Mogwai sono considerati dagli addetti ai lavori così bravi da essersi guadagnati un cospicuo numero di convocazioni per supportare con le proprie musiche il mondo della celluloide.
Se la memoria non inganna, sono già tre le colonne sonore in carniere, fra le quali la più riuscita è al momento la più recente, composta per accompagnare la serie Tv francese di grande successo "Les Revenants".

I contenuti del nuovo lavoro, "Atomic", sono la rivisitazione delle musiche composte la scorsa estate per il documentario "Atomic: Living In Dread And Promise" (attualmente 7.1 il rating su IMDb) diretto da Mark Cousin per la Bbc, realizzato per ricordare un drammatico anniversario: i settant'anni dalla tragedia di Hiroshima.
La band scozzese si è immersa completamente nell'atmosfera, recandosi anche a visitare il Parco della Pace di Hiroshima, e ha partorito dieci tracce dal tono profondamente evocativo, affidandosi in maniera quasi esclusiva all'uso dell'elettronica.

L'iniziale "Ether", intrisa di malinconia e toni epici, con il suo crescendo abilmente studiato, conferisce subito il tono all'album, durante il quale ritroviamo gli ingredienti tipici del suono Mogwai: il gusto per la ripetizione e per l'accumulo progressivo ("SCRAM"), l'andatura marziale e decadente ("Pripyat"), la magniloquenza estatica ("Bitterness Centrifuge"), gli accenti wave ("U-235"), le rarefazioni cosmiche (presenti un po' ovunque).
La seconda parte del disco ha momenti più descrittivi (quasi inquietante l'andatura di "Weak Force" e "Little Boy"), e dal punto di vista musicale riserva i maggiori acuti in corrispondenza dell'emozionale "Are You a Dancer?" (con il violino in gran spolvero) e nella lievemente disturbata "Tzar".

Pianoforte prima e chitarra poi cesellano la conclusiva desolazione di "Fat Man", il nome della bomba nucleare che venne sganciata su Nagasaki, l'epilogo della Seconda Guerra Mondiale. Poi il silenzio. La distruzione è avvenuta. La strage è compiuta.
In "Atomic" tutto è pensato in funzione dello scopo narrativo, seguendo un filo logico strumentale allo svolgimento di uno storyboard, anche se documentaristico. E i risultati sono sorprendenti: la visione della pellicola mostra un perfetto connubio fra suono e immagini, ma l'apparato musicale resta coinvolgente anche se svincolato dal documentario.

I tempi di "Young Team" e "Come On Die Young" saranno anche irrimediabilmente lontanissimi, l'effetto sorpresa non navigherà più da queste parti, ma i Mogwai nel tempo sono sempre riusciti a mantenere una qualità altissima in tutte le proprie pubblicazioni, conservando quell'istintiva curiosità che li ha spinti a sperimentare in maniera costante, dimostrandosi fra i migliori al mondo quando decidono di mettersi a disposizione delle esigenze cinematografiche.
Ormai alla pari con tutti i più quotati compositori di colonne sonore contemporanei, i Mogwai non riuscirebbero a partorire un'operazione malriuscita neppure se ci si impegnassero davvero. E anche in questo caso non si smentiscono.

(10/04/2016)

  • Tracklist
  1. Ether
  2. SCRAM
  3. Bitterness Centrifuge
  4. U-235
  5. Pripyat
  6. Weak Force
  7. Little Boy
  8. Are You A Dancer?
  9. Tzar
  10. Fat Man
Mogwai su OndaRock
Recensioni

MOGWAI

Every Country's Sun

(2017 - Rock Action Records)
Nono album per gli alfieri del post-rock melodico

MOGWAI

Rave Tapes

(2014 - Rock Action/ Sub Pop)
Dall'impeto della tempesta alla quiete apparente del sogno: la "nuova via" del quintetto scozzese apre ..

MOGWAI

Les Revenants

(2013 - Rock Action)
Il tardivo incontro tra i Mogwai e il mondo delle colonne sonore, per una grande serie francese

MOGWAI

A Wrenched Virile Lore

(2012 - Rock Action / Sub Pop)
Una sorprendente raccolta di remix dall'ultimo album del quintetto scozzese

MOGWAI

Hardcore Will Never Die, But You Will

(2011 - Rock Action / Sub Pop)
Lampi di immutata classe e segnali di un ottimo invecchiamento nel settimo album degli scozzesi

MOGWAI

Earth Division Ep

(2011 - Rock Action)
Quattro brani eterogenei soddisfano la voglia di stupire della band scozzese

MOGWAI

The Hawk Is Howling

(2008 - Matador)
La band scozzese rispolvera le sue sonorità originarie e romantiche

MOGWAI

Mr. Beast

(2006 - Rock Action / PIAS)

MOGWAI

Happy Songs For Happy People

(2003 - Rock Action / PIAS)

MOGWAI

Rock Action

(2001 - Southpaw / PIAS)

MOGWAI

Young Team

(1997 - Chemikal Underground, Jetset)
Il "kolossal da cameretta" con cui la band scozzese aprì una nuova via al post-rock

News
Mogwai on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.